settembre 2014

All posts from settembre 2014

La straordinaria vacanza in Sardegna

15.07
Erano le 9.30 di una tiepida mattina di luglio quando ci siamo imbarcati per la Sardegna. E’ stato un viaggio interminabile ma finalmente alle 19.30 siamo sbarcati a Olbia. Noi abbiamo la casa a Bados, in un residence, dove abbiamo molti amici.
16.07
E’ arrivata mia nonna paterna. Con lei abbiamo passato sei giorni nei quali abbiamo visitato delle spiaggiette vicine alla nostra casa. Siamo rimasti anche nella spiaggia di Bados dove conosciamo tanti ragazzi , con cui ci troviamo bene e giochiamo sulla spiaggia o in acqua a schiaccia 7.
22.07
Finalmente è arrivato il giorno che stavo aspettando da tanto, il giorno in cui una delle mie migliori amiche è arrivata. Siamo andati a prenderla all’areoporto e la abbiamo accompagnata a casa nostra dove è stata ospite per una settimana. Appena sistemate le cose abbiamo iniziato a chiacchierare raccontandoci del più e del meno. Era dall’anno scorso che non ci vedevamo e avevamo un sacco di cose da dirci.

In quella settimana ci siamo divertite tantissimo. In spiaggia abbiamo giocato a schiaccia con altre ragazze ma il più delle volte siamo andate a esplorare il mare e visto che tutte e due avevamo un po’ di paura degli scogli algosi ci siamo portate sempre un gonfiabile per ripararci.
Con Narin ho passato una settimana fantastica e mi è dispiaciuto molto quando è dovuta tornare a casa dai suoi. Ma anche i giorni che ha passato a casa sua sono stati meravigliosi.
5.08
Siamo andati a mangiare in un agriturismo visto che era l’ultimo giorno prima della partenza. Dopo mangiato abbiamo fatto una partita a biliardino e abbiamo vinto tre partite su cinque….niente male per delle principianti.
6.08
Ecolo è arrivato…l’ultimo giorno di questa straordinaria vacanza è arrivato 🙁
Era tutto gia pronto per partire quando è arrivata Narin. Era prestissimo ma visto che ci voleva salutare ed era triste per la nostra partenza…come lo eravamo noi, era venuta lo stesso. Ci ha aiutato a portare i bagagli e ci ha accompagnato fino al cancello dove ci siamo salutate con un abbraccio e promettendoci di rivederci al più presto.

Alessia Ravenni

Continua
AdminLa straordinaria vacanza in Sardegna

Mondiali di Calcio

Logo-Brasile-2014-LiberaIl campionato mondiale di calcio è il massimo torneo calcistico tra quadre nazionali maschili.
Nato nel 1930 da un’idea del dirigente sportivo francese Jules Rimet, si disputa ogni quattro anni.
La sua organizzazione, curata nei dettagli dalla FIFA, ne fa uno degli eventi sportivi più seguiti al mondo.
L’attuale squadra detentrice del titolo di campione del mondo è la Germania che ha vinto l’edizione 2014 in Brasile
Dal 1930 al 1970 i vincitori venivano premiati con la Coppa Rimet.
Tuttavia, la coppa fu rubata nel 1983 e non venne più ritrovata, facendo sospettare che fosse, probabilmente, stata fusa dai ladri.  È da notare che questo non fu l’unico furto della coppa. Prima dell’inizio dei mondiali del 1966 in Inghilterra, la Coppa venne rubata e riapparve solo dopo alcuni giorni, trovata da un cane poliziotto lungo la strada.

Dalla seconda edizione, prima del torneo, si tengono le qualificazioni per limitare la presenza delle nazionali che si giocheranno la coppa.

Questa fase preliminare si tiene nelle sei diverse zone scelte dalla FIFA (Africa, Asia, Centro-Nord America e Caraibi, Sud America, Oceania, Europa), ed è organizzata e supervisionata dalle rispettive confederazioni.

Il lunghissimo torneo di qualificazione inizia tre anni prima della competizione mondiale e dura per più di due anni. Lo svolgimento di questa fase varia a seconda della confederazione.
Di solito uno o due dei posti da assegnare vengono decisi da partite ad eliminazione diretta che coinvolgono nazioni di zone diverse.
Per esempio, la vincitrice della zona dell’Oceania giocò contro la quinta del girone unico del Sud America per potersi qualificare al Campionato mondiale di calcio.
L’attuale formula, adottata dal mondiale, prevede la partecipazione di 32 squadre che si affrontano in un torneo della durata di circa un mese in un paese ospitante.
Ci sono due parti: una fase a gironi seguita da una ad eliminazione diretta.
In ogni raggruppamento ogni squadra gioca tre partite. Il turno successivo prevede la creazione di un tabellone, a cui accedono le prime due di ogni girone, basato sul piazzamento nel gruppo.
Vengono assegnati tre punti alla squadra vincitrice, uno in caso di pareggio e zero per la sconfitta.
La fase ad eliminazione diretta prevede match di sola andata con la possibilità, in caso di pareggio dopo i tempi regolamentari, di tempi supplementari ed, eventualmente, calci di rigore.
Le partite ad eliminazione diretta iniziano dagli ottavi di finale dove la vincitrice di ogni gruppo incontra la seconda classificata di un altro girone. Successivamente seguono i quarti di finale, le semifinali e la finale.
Per il terzo posto si affrontano le perdenti delle due semifinali.

 

Ciprian Paraschiv

Continua
AdminMondiali di Calcio

LE MIE VACANZE

SCHIACCIA 5Quest’anno sono stato una settimana in Calabria con mia mamma e mia sorella, (mio babbo doveva lavorare) in una casa con dei nostri amici. Per fortuna ci siamo stati nella settimana più bella di tutto giugno e di tutto luglio, perché c’era un tempo meraviglioso. Eravamo a Diamante, una città con 5000 abitanti in inverno e 80000 in estate. Abbiamo girato un po’ per Diamante e provincia, andando fuori tutte le sere. Abbiamo visto quasi tutto il centro del paese, e un paio di posti nella provincia. Uno dei posti più belli che abbiamo visitato era appunto in provincia, Cirella. Siamo andati in un ristorante su una spiaggia bianca e un isolotto davanti. Il giorno dopo ci siamo tornati a fare il bagno e ci siamo accorti che uscendo di circa 15 metri dalla riva già non si vedeva più il fondo, anche se l’acqua era limpida come quella che esce dal rubinetto. Un paio di tizi mi hanno fregato la maschera per cercare degli occhiali da sole che gli erano caduti in acqua, ma non avendoli trovati me l’hanno riportata quasi subito. Purtroppo il giorno dopo siamo dovuti andare via, ma per fortuna dopo qualche giorno siamo partiti per andare 10 giorni all’ Elba anche con mio babbo. Siamo andati in un campeggio molto piccolo, perciò ho conosciuto subito molta gente. La prima persona che ho conosciuto è un ragazzino di Bolzano, di nome Simone, con il quale sono andato subito molto d’accordo. Lui ha la passione per la pesca quindi siamo andati insieme su uno scoglio dal quale poi abbiamo fatto i tuffi. Sempre lo stesso giorno ho conosciuto anche gli altri ragazzi del campeggio, con i quali ho giocato a calcio e a pallavolo. In quel campeggio ci siamo stati quattro giorni, ma poi mio babbo si è scoperto allergico agli oleandri, e lì era veramente pieno, così abbiamo dovuto cambiare posto. Siamo andati in un campeggio fra Capoliveri e Porto Azzurro, che per me sono le due città più belle dell’Elba. All’ inizio mi sentivo un po’ a disagio perché non conoscevo nessuno, ma poi il terzo giorno ho incontrato una ragazza di sesto, che si chiama Francesca e così ho fatto la mia prima amicizia in quel campeggio. Il giorno dopo mi ha fatto conoscere un gruppo di ragazzi e di ragazze di tutte le età (tranne che del 2001), che mi ha accolto molto calorosamente. Passavamo quasi tutto il giorno a giocare a schiaccia cinque, e la sera andavo in giro per Capoliveri ma soprattutto per Porto Azzurro con i miei genitori e mia sorella. Capoliveri è su una montagna quindi si vede quasi tutta l’isola, mentre Porto Azzurro è sulla costa, quindi si vede mare, mare e ancora mare. A Porto Azzurro mi sono fatto un tatuaggio temporaneo con una polvere ricavata da non mi ricordo quale pianta, mi sembra che si chiamasse hennè, e mi sono fatto tatuare il giglio di Firenze. Doveva durare dalle due settimane a un mese, ma dopo quattro giorni non si vedeva più neanche da mezzo metro di distanza. Le ultime sere sono uscito con i miei amici, ma ci siamo divisi in due gruppi: quattro ragazzi e la ragazza che avevo conosciuto per prima sono andati in una spiaggia accanto a quella del campeggio, mentre io e un altro ragazzo di Roma siamo rimasti sugli scogli con quattro o cinque ragazze. Nel primo campeggio ero l’unico di Firenze, mentre nel secondo eravamo in quattro, quindi l’ultimo giorno abbiamo detto che ci saremmo rivisti, mi auguro che sia così. Queste sono state le mie vacanze, e mi sono piaciute veramente un sacco.

Samuele Barlondi

Continua
AdminLE MIE VACANZE

Le mie vacanze

imageQuest ‘ estate sono stata, come tutti gli anni, prima un mese al mare da mia nonna in Puglia a Rosa Marina dove vanno anche tutti i miei cugini e bis gugini.

poi un altro mese (ad agosto) sono stata in Germania a Muster dove c’è mia nonna materna e dove ho fatto un corso di ceramica con mia sorella e il suo ragazzo.

infine sono stata 10 giorni a Stccolma in Svezia dove abitano i miei bis cugini e dato che hanno una casa molto grande ci hanna ospitato. loro  avevano gia ricominciato le scuola dato che li le vacanze estive sono più corte. li, fa parecchio freddo visto che è abbastanza vicino al polo nord…ma nonostante questo gli svedesi andavano in giro in maniche corte e in shorts mentre io ero coperta da capo a piedi.

Abbiamo visitato parecchi musei uno dopo l’altro e uno di quelli che mi è piaciuto di più è stato quello all’aperto che era una specie di citta arredata come se fosse in epoca vichinga; c’èrano alcune donne che facevano il lino con una tecnica di sfilamento con un macchinario, altre che il filo e altre che facevano il formaggio in modo tradizionale. continuando a camminare si arrivava dalla parte degli animali dove c’èrano in recinti lupi, orsi bruni, renne, gufi, linci, alci, volpi e coniglietti.

Abbiamo fatto anche parecchi giri in traghetto dato che Stoccolma è formata da moltissime isolette e la barca è il miglior modo per spostarsi da un’isola all’altra.

Henriette Spagnolo

 

Continua
AdminLe mie vacanze

Plitvice

imageIl Parco nazionale dei laghi di Plitvice si trova in Croazia, nel complesso montuoso di Lička Plješivica, in un territorio di fitte foreste, ricco di corsi d’acqua, laghi e cascate. Le sue acque sono di un colore cristallino. Nel parco si trovano 16 laghi collegati tra loro da cascate e numerose grotte ma solo una piccola parte di esse è agibile.i laghi sono formati da due fiumi:il fiume bianco ed il fiume nero.dentro il parco oltretutto sono presenti una barca e un trenino per permettere una visita del parco più facilitata ma sono presenti anche molte passerelle in legno.I boschi sono popolati da molte specie di animali fra cui:uccelli,pipistrelli,farfalle(sia diurne che notturne),mammiferi e altri animali fra cui :l’orso bruno,il cinghiale,la lince,il lupo,il tasso e il capriolo! Nei laghi é proibito fare il bagno per potere garantire una maggiore pulizia delle sue acque. Il periodo migliore per visitare i laghi é maggio/giugno dove i laghi sono carichi d’acqua e gli alberi e i fiori sono in pieno rigoglio.
Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice dal 1979 fa parte della lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.
Quest anno quando sono andata a visitare il parco sono rimasta molto colpita dal colore delle sue acque,dalle sue cascate e da come il personale cerchi di tenere il parco il più pulito e naturale possibile (infatti tutte le passerelle compresi gli scorri mano sono fatte da legno grezzo)
Vi consiglio di farvici portare dai vostri genitori perché per me é stata davvero una bellissima esperienza!
Gaia.Nepi

Continua
AdminPlitvice

UNA GIORNATA ALLE TERME

VENTURINADurante le vacanze estive sono stata con la mia famiglia alle Terme Di Venturina, al

laghetto naturale di acque calde della sorgente del Calidario. Le acque della sorgente

sono un fenomeno naturale unico nel suo genere: l’acqua calda proviene da un flusso sotterraneo, un immenso fiume perenne che lentamente scorre all’interno della terra a grandi profondità, si arricchisce a contatto con le rocce calcaree e esce in maniera naturale portando con se i minerali che fanno bene alla nostra pelle ed alle nostre ossa.

Un tempo il laghetto si chiamava Bottaccio, una suggestiva piscina d’acqua calda che in passato forniva energia per i macchinari di una ferriera e, in seguito, per quelli di una cartiera, come si può vedere dalla struttura che è nell’ immagine che vi allego.

Attorno al laghetto c’è lo stabilimento termale con bar, ristorante, sdraio ed ombrelloni; noi tutti ci siamo molto rilassati quel giorno: abbiamo fatto lunghi bagni fermandoci spesso anche sotto le piccole cascate, sempre di acqua calda, che ci massaggiavano il corpo, chi voleva poteva prendere il sole o leggere un libro, tanto, se faceva troppo caldo, poteva rinfrescarsi con una doccia nebulizzante, come essere avvolti da una nuvola di piccolissime gocce d’acqua sempre termale! Tutto intorno c’era tanto verde, per pranzo abbiamo fatto un pic-nic e una pausa molto breve prima di ritornare nell’acqua calda.

La sera ero abbastanza stanca, anche perchè nuotare nell’acqua a 36 gradi costanti è più faticoso, ma mi sentivo comunque molto rilassata e serena.

Bianchi Melissa

Continua

AdminUNA GIORNATA ALLE TERME

INSTANBUL

Instanbu2lQuesta estate io e la mia famiglia siamo andati a Instanbul una città dove c’è un po’ di criminalità ma è anche una citta ricca di cultura, divertente ,notturna e fantastica.
Le donne sono tutte con il velo perchè lì c’è la religione mussulmana e praticano la religione dentro le moschee,chiese mussulmane fatte a cupole con due minareti (delle torri) tra cui la mosche blu che ha quattro minareti oppure hagia sophia (Santa Sofia). Abbiamo visitato anche un ambiente unico al mondo, una costruzione sotterranea che raccoglieva, ai tempi di Augusto le Acque come in una cisterna (BIMG_1067asilica Cisterna) sorretta da centinaia di colonne e nell’acqua nuotavano molti di pesci.
Poi si è fatto una gita con una barca sul Bosforo molto bella poi siamo andati al gran bazar un mercato molto grande con più di cinque mila negozi tra cui empori di spezie,tessuti,dolci,tappeti e cose varie.
A Instanbul fanno un gelato diverso dal nostro gommoso e i gelatai fanno degli scherzi ai passanti facendo finta di rovesciare il cono però il gelato non casca perché appunto è appiccicoso e gommoso
Poi basta, se volete approfondire andateci, io mi sono divertito molto a girarla.

 

Daniele Ognibene

Continua
AdminINSTANBUL

Abetone, venerdì 13 giugno 2014

images Caro diario, oggi è stato on giorno molto divertente, perché prima di tutto stamattina sono andato a fare una scalata in bici presso la “Casa di Lapo” con mio padre e mio fratello; la salita era facile all’inizio, però verso la fine era diventata abbastanza ripida. Dopo un’ora circa di scalata ha iniziato a piovere e quindi non siamo arrivati fino a destinazione; siamo scesi velocemente fino alla macchina, abbiamo aiutato mio padre a montare le bici sul portabiciclette e siamo partiti verso casa. Dopo un po’ abbiamo pranzato e verso le 16:00, quando aveva finito di piovere, siamo andati ad un maneggio per fare una passeggiata sui cavalli. Quest’ultima è stata molto bella perchè siamo passati per un bosco e per delle praterie. Alla fine siamo ritornati a casa, abbiamo cenato con della carne al barbecue, abbiamo visto “La Tigre e la Neve”, un film di Roberto Benigni, abbiamo anche visto la partita: Spagna contro Olanda ; alla fine siamo andati a dormire stanchi morti.

Antonio Prestia

Continua
AdminAbetone, venerdì 13 giugno 2014

Estate 2014

MareQuest’estate mi sono divertita molto, l’ho trascorsa tutta al mare a eccezione di due settimane dove sono stata in Spagna e in Francia.
Al mare mi sono divertita molto e dato che vengo qua ormai da 13 anni ho fatto conoscenze e quindi ho amici con cui trascorro le mie giornate.
Con loro sono stata al mare, fuori poi abbiamo fatto anche un pigiama party insomma mi sono divertita molto, anche se un po’ avevo nostalgia di Firenze.
Oltre al mare sono stata tre giorni in Francia, più precisamente a Biarritz, e 11 giorni in Spagna prima a Bilbao, poi a Santander.
Sono state settimane basate sul surf dato che mio fratello lo pratica; sono stata costretta a farlo pure io anche se ero un po’ negata, ma infondo mi sono divertita. Nel complesso è stata una bella estate dove ho trascorso anche tre giorni con una mia grande amica di Firenze che stava trascorrendo qualche settimana a Follonica, ed io essendo a Vada sono andata a trovarla; ci siamo divertite molto. Quest’estate è stata meravigliosa ma ormai è arrivata al termine e devo dire che un po’ mi dispiace ma non troppo perché infondo la scuola mi è mancata.

Bianca Ribelli

Continua
AdminEstate 2014

La mia vacanza in Sardegna

summer 2014Quest’estate ad agosto sono stata due settimane in Sardegna,la località era bados,pittulongu;che si trova nella zona di Olbia,Golfo Aranci e Porto Rotondo.
è stata una bellissima vacanza,ho conosciute tantissime persone da tutta Italia: Milano,Torino,Roma,Olbia…
Era il mio primo anno in Sardegna e non conoscevo nessuno,ma già il secondo giorno ho fatto amicizia con due ragazze: Giada e Greta.
Giada ha la mia età e vive a Milano,con lei ho legato tantissimo poi Greta ha 11 anni vive vicino Torino e anche con lei ho legato molto.
Insieme ci siamo fatte le peggio risate… due giorni prima di ferragosto abbiamo avuto la splendida idea di prendere il pedalò,non volevamo pedalare quindi abbiamo chiamato mia mamma e la mamma di Greta. Prendiamo il pedalò e decidiamo ti andare su un isoletta molto vicina;il problema è che quando siamo volute tornare indietro è momento il maestrale,il pedalò omologato per 5 e noi eravamo 8. Non ci restava che chiamare il bagnino! Solo dopo 40 minuti il bagnino si era accorto che avevamo bisogno di lui… Viene a prenderci con il pattino e porta a riva solo me e le mie amiche,gli altri pedalando!
A ferragosto io,giada e un ragazzo di Roma decidiamo di fare il gavettone al bagnino(che dopo due settimane stremanti per fortuna non si è ucciso).
Ci sono state varie uscite con le mie amiche la sera per i vari paesini,e per due giorni sono stata all’isola della Maddalena e all’isola di Caprera. Il mare era una favola,uno spettacolo.. Sembrava di essere alle Maldive con questo mare magnifico e il fondale chiarissimo… Questa vacanza è stata bellissima e l’anno prossimo spero di poter ritornare in questo posto meraviglioso posto.

 

Ginevra Tiso

Continua
AdminLa mia vacanza in Sardegna