Testi

untitled2.png

L’ esame di terza media

Quest’ anno abbiamo l esame di terza media, sono abbastanza in ansia perchè anche se i miei amici di terza dell’ anno scorso mi hanno detto che non è così difficile come mi aspettavo ma un po di ansia la ho lo stesso, la cosa di cui ho più paura è la prova invalsi perchè ho sentito dire da alcuni compagni e anche dagli insegnati che è la prova più difficile e che ad esempio nella prova di italiano c’è anche l analisi grammaticale che la abbiamo fatta in prima media e quindi dovremmo ripassare tutte le materie di tutti e tre gli anni.

Continua
AdminL’ esame di terza media
imagesCA0WTZBM1.jpg

5 parole importanti

Cinque parole della lingua italiana che preferisco: significato  e ragioni della mia scelta.
Ci sono cinque parole che per me sono importanti.

La prima è AMICIZIA: all’interno di essa c’è un significato molto importante.
L’AMICIZIA è un sentimento che si prova verso l’altro: volergli bene, essergli fedele, rispettarlo dandogli consigli e supportarlo in ogni momento che sia brutto oppure bello.
Io ho scelto questa parola perchè per me è importante.

Continua
Admin5 parole importanti
images11.jpeg

Le Dolomiti un paradiso terrestre

Sono stato sulle Dolomiti e posso confermare che sono davvero la più grande riserva naturale dell’ italia. Quest’ estate è piovuto molto e così quando io e la mia famiglia siamo andati a fare queste belle passeggiate sui monti abbiamo trovato anche la neve. La valle dove sono stato si chiama ”Val diFassa” in Trentino e noi alloggiavamo in un hotel a 2000 metri di altezza. Per salire sui monti abbiamo preso diversi mezzi: seggiovie, ovovie, telecabine,funivie.

Continua
AdminLe Dolomiti un paradiso terrestre
foto-arianna.jpg

Un’esperienza all’ospedale.

L’ospedale non è un posto qualunque… diversamente da altri posti, ci sono persone diverse; persone malate, persone stufe di ciò che hanno avuto, che potranno avere di nuovo, ovviamente ci sono casi gravi e meno. Amo particolarmente l’ospedale pediatrico Meyer, dove ci sono stata, con tre tipi di persone che ammiro: coloro che ci lavorano, i parenti dei pazienti e i pazienti stessi.
Gli infermieri, i dottori, gli anestesisti… sono persone fantastiche, cercano sempre di farti sentire a tuo agio, addolciscono ogni particolare cosa, cercano di migliorare al massimo la vita dei pazienti dopo quello che è successo, il loro carattere è sempre solare, dolce, allegro, solo per coloro che lavorano.

Continua
AdminUn’esperienza all’ospedale.

UNA GIORNATA ALLE TERME

VENTURINADurante le vacanze estive sono stata con la mia famiglia alle Terme Di Venturina, al

laghetto naturale di acque calde della sorgente del Calidario. Le acque della sorgente

sono un fenomeno naturale unico nel suo genere: l’acqua calda proviene da un flusso sotterraneo, un immenso fiume perenne che lentamente scorre all’interno della terra a grandi profondità, si arricchisce a contatto con le rocce calcaree e esce in maniera naturale portando con se i minerali che fanno bene alla nostra pelle ed alle nostre ossa.

Un tempo il laghetto si chiamava Bottaccio, una suggestiva piscina d’acqua calda che in passato forniva energia per i macchinari di una ferriera e, in seguito, per quelli di una cartiera, come si può vedere dalla struttura che è nell’ immagine che vi allego.

Attorno al laghetto c’è lo stabilimento termale con bar, ristorante, sdraio ed ombrelloni; noi tutti ci siamo molto rilassati quel giorno: abbiamo fatto lunghi bagni fermandoci spesso anche sotto le piccole cascate, sempre di acqua calda, che ci massaggiavano il corpo, chi voleva poteva prendere il sole o leggere un libro, tanto, se faceva troppo caldo, poteva rinfrescarsi con una doccia nebulizzante, come essere avvolti da una nuvola di piccolissime gocce d’acqua sempre termale! Tutto intorno c’era tanto verde, per pranzo abbiamo fatto un pic-nic e una pausa molto breve prima di ritornare nell’acqua calda.

La sera ero abbastanza stanca, anche perchè nuotare nell’acqua a 36 gradi costanti è più faticoso, ma mi sentivo comunque molto rilassata e serena.

Bianchi Melissa

Continua

AdminUNA GIORNATA ALLE TERME
ice-bucket-challenge.jpg

ICE BUCKET CHALLENGE

L’ICE BUCKET CHALLENGE è un modo per andare contro la malattia di nome sclerosi laterale amiotrofica e in pratica fa irrigidire i muscoli e infatti le persone famose si fanno tirare l’acqua gelata in testa con un secchio. Poi questa cosa di buttarsi un secchio con l’acqua gelata in testa ora anche i ragazzi lo fanno e alla fine di ogni video nominano un loro amico per sfidarlo.

 
Scritto da Kevin Buzmi e Edoardo Occhiuzzi
Continua
AdminICE BUCKET CHALLENGE

Fine estate :(

immagineblog01Purtroppo,l’estate a poco a poco sta finendo,ciò significa che sta arrivando settembre e di conseguenza,l’inizio della scuola. Sinceramente non ho molta voglia di tornarci,di svegliarmi sempre presto,di studiare tutti i pomeriggi,di fare le interrogazioni…L’unico motivo,forse,per cui vorrei che la scuola riniziasse e’ per rivedere tutti i miei amici,per vedere chi è cambiato,chi invece è sempre uguale… Poi per il resto,in vacanza sto proprio bene!

L’estate è troppo bella! Fa caldo,si va al mare,si esce spesso! C’è chi parte e c’è chi resta,poi ci si fanno delle idee sull’anno scolastico che inizierà! Inoltre,si studia quel che ci va,solo quando ne abbiamo voglia! Solo l’estate è il vero Paradiso. Però la scuola deve ricominciare! Sarà difficile riprendere il solito ritmo! Da quest’anno scolastico mi aspetto molto lavoro,molte decisioni,molti cambiamenti; Inoltre avremo da scegliere dove andare dopo le medie e dovremo fare l’esame. Spero che il mio ultimo anno alla scuola Granacci, sia perfetto, indimenticabile,che la classe sia unita e soprattutto che ci si diverta.Voglio uscire da questa scuola soddisfatta. Spero di finire queste vacanze al meglio e di essere pronta a settembre per un nuovo anno scolastico!

Angela Ballerini

Continua
AdminFine estate :(

Dublino… una città, tante lingue

DSC01716[1]Che bella l’Irlanda… le città… Dublino, Cork, Belfast e le numerose contee…  .

Io sono stato a visitare Dublino, e ho guardato con i miei occhi la bellezza di una città multiculturale anche se urbana e industriale, Dublino ha mantenuto la sua bellezza naturale Irlandese.

Ci sono numerose cattedrali: la St. Patrick Cathedral

 

 

 

DSC01726[1]

O la Christ Church.

In dublino ci sono molte cose da visitare… una che vi consiglio è lo zoo di Dublino, molto, ma molto interessante.

Insomma, per chi vuole andare all’estero consiglio a tutti l’Irlanda, tutta.

La natura ti circonda le opere, i castelli e molto altro.

Continua
AdminDublino… una città, tante lingue

Il canto

canto blog totta (1)Il canto mette in contatto noi con l’universo. Il canto serve per identificarci alla velocità della luce, per divertirci nel vero senso della parola, per entrare nell’universo, nell’infinito, nel diverso. Il canto è espansione della coscienza, è vera conoscenza….è per questo che le montagne, la luna e le strade non possono che essere cantate, se davvero le voglio conoscere, se davvero le voglio rappresentare. Il canto è il modo più efficace e più vero per rappresentare la realtà. Il canto serve anche per risvegliare la voce e la parola. Ma questo è un altro discorso. Oppure no, è lo stesso discorso rifatto da capo, non rivolto al canto, ma alla parola rinnovata. Parola viva e canto vero sono la stessa cosa. Cantare, organizzare l’esperienza Il canto investe tutte le dimensioni dell’essere: emotiva, fisica, spirituale. Sarà per questo motivo che chiunque si troverà a cantare di fronte a noi sarà più esperto di noi in una qualche piega dell’esistenza. Per noi, chiunque egli sia, sarà portatore di un insegnamento. Sarà per questo motivo che cantare di fronte agli altri è sempre un’esperienza potente, che, per quanto naturale, mette talvolta un po’ paura, specialmente se non ci siamo abituati. Cantare è espressione dell’intelligenza emotiva…….. Tutto questo che ho appena scritto, è frutto di interessanti letture e articoli… ma la mia esperienza, quella di Carlotta, è esattamente la stessa cosa…… a cura di Carlotta Daziano  🙂

Continua
AdminIl canto

Analisi del significato della parola “gatto” nella cultura contemporanea

Sissi e PascalIntervista al dottor Pascal, docente di Gattologia, e alla dottoressa Sissi, docente di Storia della Civiltà Felina, all’Università di Gattocity.

“I gatti fanno miao” inizia così il dottor Pascal la nostra intervista “ma la vera domanda è: cosa significa oramai ‘gatto’?”

Lei cosa ne pensa, professore?

Credo che i gatti stiano prendendo un’importanza sempre maggiore nella nostra società, così piena di contraddizioni: sono un punto di riferimento.

Spieghi meglio questa affermazione.

Credo che, in parole povere, possiamo riassumere questo nuovo fenomeno sociale in una frase: “Gatto è Bello”. Pensi un po’ alla grande importanza che la parola ‘miao’ ha assunto in questi anni. Pensi alla canzone “Il coccodrillo come fa? (pappappappapa)”: come dice lo stesso brano, “non c’è nessuno che lo sa”; invece il verso del gatto è noto a tutte le persone del mondo: “miao”.

Se è per questo, anche il verso della pecora, “beeeee”, è molto conosciuto.

Ma vuole paragonare il fantastico suono, pieno e rassicurante, del “miao” con il piatto e freddo “beee”. Non a caso gli antichi Egizi adoravano il gatto e non la pecora.

Probabilmente perché non la conoscevano?

Dettagli…

Continuando il suo esempio: gli Egizi adoravano anche il coccodrillo.

Ma il coccodrillo come fa?!

Non divaghiamo troppo: come interpreta la parola “gatto” al giorno d’oggi?

“Gatto” è un bisillabo piano di cinque lettere, ma in questa parola così piccola è racchiuso un grande significato: i gatti, così dolci e coccoloni, aiutano i loro padroni. Ripeto: sono dei punti di riferimento molto importanti.

Come possono dare il loro aiuto se non fanno niente dalla mattina alla sera?

Non stiamo parlando di aiuto pratico, ha mai sentito parlare di “aiuto morale”?

Ovvero?

L’aiuto morale è quel tipo di aiuto che permette agli esseri umani di sentirsi appoggiati dai loro animali domestici in quanto questi ultimi sono una ragione di vita: l’uomo non può morire, deve occuparsi del gatto.

La ringraziamo per la sua collaborazione e passiamo ora ad intervistare la sua consorte, la dottoressa Sissi: qual è il suo parere sulla questione, dottoressa?

Credo di aver notato un ulteriore fenomeno, non notato da mio marito, che si sta sviluppando recentemente in tutti i gatti: la quantità di miagolii sta diminuendo notevolmente. Trattasi di una protesta da parte del mondo felino contro l’eccessivo chiacchiericcio del genere umano, in particolare in quella classe che i miei padroni definiscono “politica”. Per di più le continue tassazioni fanno aumentare in modo spropositato il prezzo dei croccantini: non possiamo andare avanti così!

Anche voi gatti siete quindi colpiti dalla crisi?

Certamente! Le faccio degli esempi. Uno dei miei padroni è disoccupato, questo significa meno croccantini per tutti, per di più, secondo esempio, il numero di vecchiette da croccantini è in forte diminuzione.

Lei mi sembra una gatta socialmente molto impegnata.

Io e mio marito facciamo parte di un movimento, “l’anti-chiacchiericcio”, composto da 44 gatti. Spesso facciamo delle manifestazioni disponendoci i fila per sei con resto di due!

Ringraziamo anche lei per la collaborazione, arrivederci!

Gagiubì (a cura di Bianca Blasi, con il contributo di Giulia e Gabriele)

Continua
AdminAnalisi del significato della parola “gatto” nella cultura contemporanea