sottobanco – 1^D Scuola Granacci

All posts tagged sottobanco – 1^D Scuola Granacci

One Direction

One Direction - Foto di gruppoMolte persone possono mettere a confronto Justin Biber e gli ONE DIRECTION, ma non c’è proprio storia fra loro.
Gli One Direction sono di gran lunga meglio, noi 4 siamo delle loro fans sfegatate ed è per questo che abbiamo deciso di fare questo articolo su di loro.
Gli One Direction sono un gruppo musicale nato nel 2010. E’ composto da 5 ragazzi: Zayn Malik, Harry Styles, Liam Payne, Niall Horan, Louis Tommilson.

Sono diventati famosi con il programma X-Factor USA classificandosi al terzo posto. Le fans degli One Direction sono in tutto il mondo e hanno un nome preciso: DIRECTIONER.

Gli One Direction hanno inciso 3 album: il primo s’intitola: Up all night; il secondo s’intitola: Take my home; il terzo invece s’intitola: Red nouse.

Red Nose: cover dell'albumEcco un piccolo approfondimento singolo su tutti i componenti degli One Direction, inizimo dal più piccolo:
Harry Styles, è nato il 1° Febbraio del 1993 e il suo colore preferito è il rosso.
Zayn Malik, è nato il 12 Gennaio del 1994 e il suo colore preferito, come Harry, è il rosso. Curiosità: Non sa nuotare, ha paura delle scale e di Louis che gli fa gli scherzi sulle scale e ha le vertigini!
Liam Payne, è nato il 29 Agosto del 1994 e il suo colore preferito è il Viola. Curiosità: Ha paura dei cucchiai e il suo film preferito è Toy Story.
Niall Horan, è nato il 13 Settembre del 1994 e il suo colore preferito è il Verde.
Infine Louis Tommilson, è nato il 24 Dicembre (nel giorno prima di natale!!) e il suo colore preferito è il Blu.

Secondo noi le canzoni più belle sono:
Kiss you, Live wile ve’re young, Rock me, Little things di Take me home, One way or another di Red Nose e Whats makes you beautiful, Gotta be you One thing di Up all night.

Gli One Direcion sono fantastici e fanno coreografie stupende! Noi siamo delle loro fans scatenate…sono adorabili e bellissimiii!
We love One Direction For Ever!

A cura di Martina, Elisa, Sofia e Giulia

read more
AdminOne Direction

Un Mondo SENZA Tecnologia

L'evoluzione della scimmia in "Homersapiens"Se non ci fosse la tecnologia come saremmo?

Avremmo clave come i nostri antenati scimmie, non avremmo computer, elettricità, automobili e mezzi di comunicazione.
Al posto dei mezzi di trasporto avremmo le macchine dei Flinstones e la sera avremmo mal di piedi.
Al posto di fare la spesa dovremmo cacciare e forse morire per nutrirci.
I nostri letti sarebbero di roccia e le coperte… Neanche a pensarci.
Saremmo brutti, pieni di brufoli e pulciosi.
Con le sacche di pelle si trasporterebbero i frutti che abbiamo trovato nella giornata.
Secondo noi un mondo così non puo esistere.

A cura di GabrieleP e GiovanniG

read more
AdminUn Mondo SENZA Tecnologia

Un mondo senza femmine, o meglio, senza mamme

Mamma arrabbiataNon è che ce l’abbiamo con le mamme e le donne in generale, anzi, gli vogliamo bene, però alcuni comportamenti femminili ci danno fastidio ad esempio:

– la mattina, prima di andare a scuola, ti svegliano dicendo: ”Sveglia! Sveglia! È tardi devi andare a scuola e se arrivi tardi che figura ci faccio!?!”… E magari sono le sei del mattino.

– se in tv c’è Studio Sport e allo stesso tempo c’è Beautiful, o Centovetrine, o simili… Inizia un conflitto mortale che può comprendere, punizioni, menate e, essere accompagnato dentro la scuola che è la cosa più imbarazzante che possa esistere.
Super hamburgerOra abbiamo finito di parlare sulle mamme e passiamo alle donne in generale.

Le donne si vogliono comprare quei macchinoni che ovviamente non sanno guidare e infatti se vedi una auto in mezzo di strada che cerca di parcheggiare puoi scommettere che al volante c’è una donna, se per caso ci fosse una svendita in un negozio si trasformano in “super saian” e fanno dei parcheggi da formula 1, velocissimi e efficaci, non per offendere ma ci sarà un motivo per cui si dice “donna al volante pericolo costante”.

Ovviamente rispettiamo e amiamo le donne e ora vi raccontiamo il più grande aspetto positivo: fanno da mangiare sempre e comunque mettendoci quel tocco in più da chef francese di classe.

Insomma tutte le donne pensano che noi uomini le odiamo, ma ci pare più il contrario.

Donneee! Grazie di esistere e ricordatevi di chi ha scritto questo articolo, i vostri amici…  TommasoF, CosimoR, DanieleB e NiccolòF.

Parcheggio sbagliato

read more
AdminUn mondo senza femmine, o meglio, senza mamme

Io non ho paura

"Io non ho paura". Un'immagine del filmIo non ho paura è un film degli anni ’60 ed è ambientato nel Sud di Italia in Estate.
Tratta dell’imicizia di un bambino di campagna e uno di città. Michele, un bambino di campagna, stava facendo una gara di corsa con i suoi amici, a sua sorella Maria cadono gli occhiali, e Michele si ferma per riprenderli e così facendo arriva ultimo alla gara di corsa. Deve fare una penitenza, ma Teschio, capo della banda, decide di farla fare all’unica ragazza del gruppo, ma lei dice che doveva farla Michele perchè era arrivato ultimo, Michele alla fine fa la prova: doveva camminare su una trave instabile dentro la casa abbandonata.
"Io non ho paura". La locandina del filmLa supera però, per uscire, deve saltare della finestra su un albero, quando salta gli cadono gli occhiali della sorella dalla tasca. Al ritorno verso casa Maria chiede gli occhiali a Michele che si accorge di non averli, allora torna alla casa abbandonata. Vede che gli occhiali sono su una grata di plastica e prendendoli, si accorge che sotto non c’è nulla.
Allora curioso apre la grata e vede una coperta da cui spunta un piede, gli lancia un sasso e non si muove. Per prendere un’altro sasso chiude la grata, quando la riapre si vede un bambino malconcio davanti, per la paura chiude la grata e scappa. Di pomeriggio ritorna alla casa abbandonatae si accorge che c’è un pentolino identico a quello che ha a casa, così per confermare il suo pensiero va a vedere nella sua credenza: infatti il pentolino era lo stesso, quindi si accorge che suo padre è coinvolto nella rapina di Filippo. A cena il padre di Michele vede che Maria non finisce la carne così la mette in frigo per conservarla, prima di andare a letto il padre dice a Michele che in futuro sarebbe arrivato un ospite. La mattina dopo Michele torna al buco con 1 Kg di pane per Filippo ma si accorge che sta arrivando una macchina e si nasconde nel grano. Dopo decide di andare al buco, porta il pane a Filippo e vede che non lo finisce, si cala con una corda per riprendere il pane e gli chiede se aveva già mangiato della carne. La sera arriva Sergio, che era l’amico del padre. Si alza per andare in bagno e vede una riunione dei rapitori di Filippo che stanno guardando il telegiornale con la madre di Filippo che implorava i rapitori di renderle Filippo, Michele nota che c’è un quadro con un veliero.
La mattina dopo Michele va a curiosare nella valigia di Sergio e vede che c’è una foto di Filippo con una pistola ed ha la certezza che anche lui è uno dei rapitori. Quando va a fare colazione sua mamma gli dice che è arrivato Salvatore, il migliore amico di Michele, che lo stava cercando, allora Michele di corsa si reca da lui e vede che ha dei trenini in mano e gli chiede se ne può avere uno ma Salvatore dice di no, Michele allora dice che lui gli svelava un segreto se lui gli avrebbe dato il trenino. Michele allora rivela il segreto di Filippo a Salvatore, Michele allora riceve il trenino e va da Filippo senza Salvatore. Arrivato porta Filippo fuori dalla buca e poi, quando lo riporta dentro e lo sorprende il fratello maggiore di Teschio che anche lui è uno dei rapitori, che era stato avvertito da Salvatore.
ura". Un'immagine del filmAllora i rapitori spostano Filippo in un’altro nascondiglio. Michele e i suoi amici fanno una gara di corsa, incomincia a piovere e si rifugiono alla casa abbandonata e Michele vede che il buco è aperto e quindi pieno d’acqua, crede che Filippo sia annegato e supplica Salvatore di rivelargli il nuovo nascondiglio di Filippo, Salvatore gli risponde che Filippo è stato nascosto nella fattoria e Michele corre a prenderlo.
Si reca alla fattoria e va da Filippo e lo fa uscire ma lui rimane dentro, intanto suo padre e i rapitori fanno il “tocco del soldato” per uccidere Filippo e tocca al padre di Michele che va alla fattoria: apre il portone dove era nascosto Filippo ma invece c’era nascosto Michele, ma il padre di Michele non si accorge che era suo figlio e gli spara in una gamba. Lo porta fuori insieme a Sergio che è stato pedinato dagli elicotteri con cui viene portato via e Filippo prima che Sergio vada via dice: “avete preso lui non me…”.

A cura di Martina, Sofia, Camilla, Giulia e Emma

read more
AdminIo non ho paura

I licheni

Foto degli alunni che analizzano i licheni al miscroscopioI licheni sono formati da un alga e da un fungo: il fungo fornisce all’alga i sali minerali, l’acqua e protezione dall’essiccamento e dalle irradiazioni; l’ alga dà al fungo il nutrimento.

I licheni possono essere di 3 tipi:
1. Crostosi: sono strettamente legati agli oggetti dove sono attaccati.
2. Fogliosi: sono fatti a forma di foglia.
3. Fruticosi: sono fatti a forma di frutto.

I licheni si possono trovare soprattutto sugli alberi, ma ci sono anche sui pavimenti, nei tetti, sui metalli, sul legno e anche sulle pietre.

Noi ragazzi di 1D abbiamo fatto un esperimento su i licheni.
Lo abbiamo fatto per vedere quanto l’aria sia inquinata nelle diverse zone nei pressi di Bagno a Ripoli.
Abbiamo preso una retina e l’abbiamo legata a diversi tipi di alberi e con una lente di ingrandimento abbiamo visto quanti licheni c’erano. Più ce ne erano e più l’aria era pulita. Alla fine dell’esperimento la zona più pulita è risultata quella di Cellai.

read more
AdminI licheni

REGALI DI PASQUA PER I PROFESSORI

Fotografia di una colomba pasquale realizzata dagli alunni della 1^DUn giorno, a tecnica, la professoressa ci ha chiesto se volevamo fare dei regalini di Pasqua ai professori, noi abbiamo accettato e ci siamo divisi in gruppi di lavoro.

Ogni gruppo aveva un compito:
– un gruppo tagliava del legno.
– un gruppo scartava il legno.
– un gruppo scriveva “Buona Pasqua” su dei fogli.
– un ultimo gruppo consegnava i regalini ai professori, alle custodi e al preside.

I regalini pasquali frutto del nostro lavoro sono state delle colombe di legno con le ali di carta con su scritto Buona Pasqua.

A cura di Giulia e Elena

read more
AdminREGALI DI PASQUA PER I PROFESSORI

LA SQUADRA DI PALLAMANO DELLA SCUOLA

Fotografia della squadra di pallamanoLa nostra squadra di pallamano è composta dai migliori quattordici giocatori della Granacci. Hanno giocato benissimo, la loro prestazione ha portato la vittoria con grande felicità di tutto lo staff dopo quattordici anni da perdente, la Granacci, è tornata alla vittoria.

Il torneo si è tenuto al palazzetto di Tavarnuzze. Prima che tornassero i giocatori, la 1^D era in fibrillazione e in segno di gratitudine, sapendo già della vittoria, abbiamo scritto per scaramanzia “Winner” sulla lavagna… Ma sono arrivati in ritardo e purtroppo non l’hanno potuto vedere.

La finale è stata contro il Tavarnuzze, la partita è stata molto avvincente con numerosi gol; il risultato finale è infatti stato di 12 a 8 per la nostra scuola.

A cura degli egregi scolari TommasoF, CosimoR e NiccolòF

read more
AdminLA SQUADRA DI PALLAMANO DELLA SCUOLA

Visita all’acquedotto di Firenze

Giovedì 7 febbraio 2013 siamo andati all’acquedotto di Firenze e ci siamo andati con il pulmino della scuola.

Appena arrivati, ci hanno accompagnato in una stanza in cui c’era un gran cartellone.

Visita all' acquedotto di Firenze

Ci siamo seduti e un signore ha cominciato a spiegarci alcune cose sull’acqua.

Visita all' acquedotto di Firenze

Poi ci hanno fatto vedere come depurare l’acqua.

Visita all' acquedotto di Firenze

Dopo un’oretta, siamo andati a vedere le vasche dell’ acquedotto.

La cosa che ci ha colpito di più è un antico depuratore d’acqua, lo abbiamo anche provato (senz’acqua):
Verso mezzogiorno, siamo usciti dall’acquedotto e siamo saliti sul pulmino.

In pulmino, ci siamo divertiti un sacco: abbiamo cantato, ci siamo scatenati, abbiamo parlato, ballato…

Arrivati a scuola, la prof ci ha dato dei souvenir dell’acquedotto che le aveva dato il signore dell’acquedotto.

Salutoni dai Sottobanco (1D)

read more
AdminVisita all’acquedotto di Firenze

La nostra classe!

Disegno di presentazione Classe 1^D - Scuola Sec. 1°gr Granacci (Bagno a Ripoli) - I pulciosiLa nostra classe
La nostra classe è composta da venticinque “anime buone”, fra cui sedici maschi e nove femmine.
Siamo una classe molto simpatica e unita, ma facciamo tornare a casa i professori/esse con i capelli ritti.

Emblematico è stato quando un giorno il preside era al telefono e non riuscendo a parlare per la nostra cagnara è venuto a calmarci, ma noi abbiamo molto serenamente risposto ignorandolo e la telefonata è andata a rotoli.
Ma in fondo, in fondo, qui stiamo parlando di profondità abissale, tutti ci conoscono e ci vogliono bene.
Essendo molto agitati la nostra professoressa di tecnologia ci chiama simpaticamente “i pulciosi numero 1” perchè non stiamo mai fermi.

Oltre a essere maldestri siamo molto intelligenti istruendo i bambini più piccoli a fare una confusione positiva come dicono modestamente i nostri professori.

Siamo molto socievoli con le persone e questa è la nostra piùF grande qualità.
ZAN ZAN

A cura di TommasoF, CosimoR e NiccolòF

Di seguito potete ammirare una collezione di disegni realizzata come studio per il logo della nostra classe.

read more
AdminLa nostra classe!