Sport

IL BASEBALL

Mazza, palla e guantone da baseballNoi alunni della 1°B pratichiamo baseball nelle ore di educazione fisica da aprile. Anche se abbiamo fatto poche lezioni abbiamo già provato a fare una partita.

In questo sport bisogna colpire la pallina con la mazza e mandarla fuori dal campo.

Quando colpiamo la pallina dobbiamo correre verso la prima base, ma se la pallina viene presa dal lanciatore prima di aver raggiunto la prima base si è eliminati. Questo non vale se dobbiamo raggiungere la seconda base, la terza base e il posto del battitore. Se questo avviene si torna alla base di partenza.

Il battitore colpisce la pallaPer fare punto bisogna passare della base del battitore.

Il lanciatore deve tirare la palla a sua scelta ma deve essere difficile da prendere in modo da eliminare il battitore. La pallina si può lanciare a effetto, a giro, forte o piano.

Per ogni palla mancata il battitore fa uno “strike”. Al terzo strike il battitore è eliminato. Può essere eliminato anche prendendo la palla al volo. A tre giocatori eliminati sta all’altra squadra battere.

A cura di Ciprian e Samuele

read more
AdminIL BASEBALL

Pietro Mennea

VITA
Pietro Paolo Mennea (Barletta, 28 giugno 1952 – Roma, 21 marzo 2013) è stato un atleta, politico e avvocato italiano.
Campione olimpico (1980) e detentore del primato mondiale dei 200 metri piani dal 1979 al 1996 (con il tempo di 19″72, attuale record europeo).
Nasce in una famiglia di Barletta. Il padre è sarto e la mamma casalinga. Dopo le medie si iscrive a ragioneria.
A 15 anni sfidava la velocità di una Porsche e di un’Alfa Romeo a piedi, sui 50 metri, batteva l’una e l’altra e guadagnava le 500 lire per pagarsi un cinema o un panino.Pietro_Paolo_Mennea
Poi consegue anche le lauree in giurisprudenza, scienze dell’educazione motoria e lettere.
Pietro Mennea esercitava la professione di avvocato ed è stato autore di venti libri.
Mennea è stato docente a contratto di Legislazione europea delle attività motorie e sportive presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione Motoria dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara.
Nel 2006 ha dato vita, insieme con la moglie, alla “Fondazione Pietro Mennea”, onlus di carattere filantropico, che effettua donazioni e assistenza sociale ad enti di carità o di ricerca medico-scientifica, associazioni culturali e sportive. Lo scopo secondario è di carattere culturale e consiste nel diffondere lo sport e i suoi valori, nonché promuovere la lotta al doping.
Oltre alla carriera sportiva, ha operato come insegnante di educazione fisica, curatore fallimentare, eurodeputato (a Bruxelles dal 1999 al 2004) e commercialista.
Nel marzo del 2012 la città di Londra, nell’ambito delle iniziative connesse ai Giochi olimpici di Londra 2012, dedica all’ex atleta barlettano una stazione della metropolitana cittadina (High Street Kensington).
Muore il 21 marzo 2013, all’età di 60 anni, in una clinica di Roma, a causa di un tumore.
CARRIERA SPORTIVA
Mennea iniziò la sua lunga carriera atletica internazionale nel 1971, quando debuttò ai Campionati europei con un terzo posto nella staffetta 4×100 metri e un sesto nei 200 metri. Fece il suo debutto olimpico a Monaco di Baviera, ai Giochi olimpici estivi del 1972, dove raggiunse la finale dei 200 m, la specialità nella quale era più forte. Tagliò il traguardo al terzo posto, dietro al sovietico Valerij Borzov e all’americano Larry Black. A questa sarebbero seguite altre tre finali olimpiche nella stessa specialità.
Ai Campionati europei del 1974, Mennea vinse l’oro nei 200 m e si piazzò secondo nei 100 m (dietro a Borzov, suo rivale storico) e nella staffetta veloce. Dopo alcune prestazioni deludenti, nel 1976 Mennea decise di saltare i Giochi olimpici, ma il pubblico italiano protestò e Mennea andò a Montréal. Riuscì a qualificarsi per la finale dei 200 m, ma vide l’oro finire nelle mani del giamaicano Don Quarrie, mentre lui finì ai piedi del podio, quarto. Lo stesso risultato, mancando di poco il bronzo, venne raggiunto nella staffetta 4×100 metri. Nel 1978, a Praga, difese con successo il suo titolo europeo dei 200 m, ma mostrò le sue doti anche sulla distanza più breve, vinta anch’essa. In quell’anno si aggiudicò anche l’oro nei 400 metri piani agli europei al coperto.
Nel 1979, Mennea, studente di scienze politiche, prese parte alle Universiadi, che si disputavano sulla pista di Città del Messico. Il tempo con cui vinse i 200 metri piani,19″72, era il nuovo record del mondo: esso resistette per ben 17 anni, ma va tenuto conto del fatto che fu ottenuto correndo a oltre duemila metri di quota come del resto il precedente primato, stabilito da Tommie Smith sempre a Città del Messico. Il record venne battuto da Michael Johnson ai trials statunitensi per le Olimpiadi del 1996.
In quanto detentore del primato mondiale, Mennea era senz’altro uno dei favoriti per l’oro olimpico a Mosca anche a causa del boicottaggio statunitense delle Olimpiadi del 1980. Nella finale dei 200 m, Mennea affrontò il campione uscente Don Quarrie e il campione dei 100 m Allan Wells. Wells sembrò dirigersi verso una vittoria netta ma Mennea gli si avvicinò sul rettilineo e lo sopravanzò negli ultimi metri, aggiudicandosi l’oro per 2 centesimi di secondo. Vinse anche il bronzo con la staffetta 4×400 metri.
Mennea, soprannominato la Freccia del Sud, nel 1981 annunciò il suo ritiro concedendosi più tempo per lo studio. Successivamente ritornò sui suoi passi e l’anno dopo prese parte agli europei gareggiando però solo nella 4×100 in cui arrivò quarto.
Il 22 marzo 1983 stabilì il primato mondiale dei 150 metri piani, con 14″8 sulla pista dello stadio di Cassino: questo primato è ancora imbattuto, perché il tempo di 14″35 stabilito il 17 maggio 2009 da Usain Bolt a Manchester non è stato omologato dalla Federazione in quanto stabilito su pista rettilinea.
Successivamente partecipò alla prima edizione dei mondiali che si svolse ad Helsinki dove vinse la medaglia di bronzo nei 200 e quella d’argento con la staffetta 4×100. Un anno dopo, scese in pista nella sua quarta finale olimpica consecutiva dei 200 m, primo atleta al mondo a compiere tale impresa. In quest’occasione, anche se campione uscente, terminò al settimo posto e, a fine stagione, si ritirò dalle competizioni per la seconda volta.
Ancora una volta, Mennea fece il suo ritorno e gareggiò nelle sue quinte Olimpiadi a Seul nel 1988, sempre nei 200 metri, dove si ritirò dopo aver superato il primo turno delle batterie.
Dal punto di vista tecnico Mennea (come in seguito Carl Lewis ) aveva una partenza dai blocchi relativamente lenta ma progressivamente accelerava riuscendo a raggiungere velocità di punta superiori a qualunque atleta. Questa partenza lenta ha relativamente penalizzato le sue prestazioni sui 100 metri (dove comunque ha primeggiato a livello europeo), mentre le gare sui 200 si concludevano spesso con rimonte ai limiti del prodigioso (come la finale delle olimpiadi di Mosca). Sempre grazie alla sua eccezionale velocità di punta le ultime frazioni e le relative rimonte di Mennea nella 4×100 (nelle quali partiva lanciato) erano impressionanti per la superiorità sugli altri atleti.

Abbiamo deciso di parlare di Mennea non solo per i suoi importanti risultati come il record mondiale dei 200 m , menzionato prima, ma anche per la sua grande voglia di “sapere”, infatti quello che ci ha colpito più di tutto è il fatto che fosse laureato in più facoltà (come lettere, giurisprudenza..) e che, nonostante i grandi impegni sportivi, sia riuscito ad ottenere la cattedra per insegnare varie materie.
Molte volte gli atleti che gareggiano ad alti livelli vengono considerati come persone “ignoranti”, perché si presume che dedichino tutto il tempo agli allenamenti e non certo a studiare sui libri. Sinceramente reputiamo che si debba ringraziare Mennea, perché ottenendo buoni risultati sia nello sport che nel “sapere” è riuscito a dimostrare il contrario.
Sicuramente era una persona molto decisa e ambiziosa che se desiderava raggiungere un risultato (in tutti e due gli ambiti) niente e nessuno potevano ostacolarlo e lo dimostrò proprio quando nel 1981 si ritirò dalle competizioni per concedere più tempo allo studio, dimostrando che nella vita non esiste solo lo sport ma ci sono anche tante cose molto più importanti prima di esso: in questo caso lui riteneva più appropriato l’essere colto e istruito dell’essere famoso per aver detenuto un record mondiale e nonostante le varie critiche lui “andò per la sua strada”.
Mennea verrà ricordato anche per aver fondato associazioni per diffondere, negli sportivi e non, il problema del doping e per aver aiutato alcuni enti di carità e di ricerca medico-scientifica.

Giulio ,Valentina ,Raul

 

read more
AdminPietro Mennea

Il corso di pallavolo

Logo pallavolo

Logo pallavolo

Super schiacciata!

Nella nostra scuola, c’è un corso di pallavolo con la prof.ssa Pipoli. Questo corso si svolge ogni lunedì della settimana, dalle ore 14:30 alle ore 16:00. Le lezioni sono per le 1, 2 e 3 medie. Un lunedì praticano il corso le 1, l’altro lunedì ci sono le 2 e le 3. Noi facciamo parte del gruppo delle prime che è composto da 12 ragazzi. All’inizio del corso si fa un po’ di riscaldamento, dopo, ci esercitiamo con i palleggi, i bagher e le battute; poi, a coppie, svolgiamo dei giochi in cui uno lancia la palla e l’altro la deve respingere o con il palleggio o con il bagher. Certe volte facciamo delle partite 3 contro 3. A noi ci piace molto questo sport (anche se non tutti lo praticano!), è molto divertente e si impara molto.

Sara & Duccio

read more
AdminIl corso di pallavolo

FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE 2013

Logo Bayern e logo BorussiaIl Borussia Dortmund (squadra tedesca della bundesliga, arrivata seconda in campionato) dopo tanti anni è tornata in finale.
Questa squadra che è stata pagata poco piu di 50.000.000, adesso ne vale 4 volte di piu ed è una delle piu forti squadre d’Europa.
Gioca un calcio di squadra, dove a volte i singoli giocatori fanno la differenza (Gozte, Lewandowski e Reus).
Ha superato la semifinali contro il Real Madrid con poche difficoltà.
L’andata è stata una partita a senzo unico, 4-1, dove il Real non ha visto palla e un super Lewandowski si è portato a casa il pallone visti i suoi 4 goal.
Al ritorno grande rabbia del Real che negli ultimi 10 min riesce a trovare 2 goal e per poco non trova il terzo.
Bayern: il Bayern trova la terza finale consegutiva e si riprende la rivincita col Barcellona dopo che fu battuto in finale 2011.
Super Bayern che dopo aver già vinto la Bundesliga in anticipo riesce a schiacciare il Barcellona per un andata di 4-0 e un ritorno di 0-3 al Camp Nou dominando nettamente i Blougrana troppo prevedibli con i suoi passaggi e possesso palla. Jupp Heynckes cercherà di riconfermare la forza del suo Bayern.

Lo stadio di Wembley

Finale tutta tedesca a Wembley, si pensa che sia una finale combattuta e le star della due squadre faranno spettacolo. Occhi puntati su Gozte e Lewandowski che il prossimo anno andranno al Bayern guareremo cosa riusciranno a fare.

A cura di Simone, Nicholas e Alvise

read more
AdminFINALE DI CHAMPIONS LEAGUE 2013

Il calcio raccontato dalle ragazze

Ljajic e BeyoncePer la maggior parte delle ragazze il calcio è peggio della matematica.

Le ragazze guardando o giocando a calcio non capiscono praticamente nulla… Soltanto il goal!!!

Il calcio è:
– per i ragazzi; un hobby un divertimento ma dipende dalle persone, il calcio per alcuni ragazzi è una questione di vita o di morte e se non vincono ci rimangono molto male!!!
– per le ragazze; un semplice divertimento!!!

Ci sono ragazze che come i maschi amano il calcio non sono strane hanno solo un hobby diverso dalle altre.

di Claudia, Flavia e Ginevra

Calcio femminile

read more
AdminIl calcio raccontato dalle ragazze

GLI SPORT DI SEMPRE (Calcio e Judo)

CALCIO
Io pratico uno sport che si chiama calcio, gioco da 1 anno è uno sport molto impegnativo.
Ci  alleniamo 2 volte alla settimana in cui facciamo anche le partite, alcune volte andiamo sul giornale.
A cura di Manuel

Calciatori in azione

JUDO
Io pratico uno sport il quale nome è Judo che è stato inventato in guerra dal Gigoro Kano .Nei 5 anni ho partecipato a molte gare e una volta sono stato sul giornale. Sono cintura verde ho cambiato da poco palestra e mi alleno 3 volte a settimana (lunedì, martedì e venerdì facciamo kendo con le spade di legno).
A cura di SamueleS

Judo

read more
AdminGLI SPORT DI SEMPRE (Calcio e Judo)

Snowboard

SnowboardingIl nome significa tavola da neve, infatti è una tavola che con la pendenza scivola sulla neve, per poter slittare i materiali con cui è composto sono molto specifici.
Colui che va sullo snowboard è chiamato Rider.
È uno sport invernale perché ha bisogno di molta neve per scivolare.
Per mantenersi attacati alla tavola ci sono degli agganci in cui gli scarponi sono messi e poi stretti con degli attacchi.
La parte di gare si divide in due parti quella delle gare a tempo e quella di trick dove su dei salti bisogna fare delle evoluziuoni alcuni trick sono:Rodeo in frontside/backside, one foot guard (con un piede solo attacato alla tavola! un 360 su se stessi per eseguire questo trick serve uno speciale adesivo chiodato che ti permette di appoggiare il piede senza che scivoli).
È uno sport molto complicato e per questo in pochi lo praticano.
di SamueleI

read more
AdminSnowboard

Il mio sport preferito: equitazione

Ginevra cavalca HoneyQuesta sono io a cavallo al centro ippico “Il Rospetto” vicino a casa mia.

Il cavallo si chiama Honey è un cavalla molto tranquilla ed è la più alta di tutti i cavalli!

Le piace molto mangiare le carote.

E’ molto testarda e quando non vuole correre o saltare gli ostacoli non c’è nulla da fare, ma quando ha voglia di correre galoppa velocissima.

Un altro sport che mi piace molto è il pattinaggio.

So pattinare abbastanza bene anche se non ho mai frequentato una scuola.
Infatti ho imparato a pattinare da sola spinta dalla passione.
Quando posso pattinare sono molto felice!

di GinevraG

read more
AdminIl mio sport preferito: equitazione

LA SQUADRA DI PALLAMANO DELLA SCUOLA

Fotografia della squadra di pallamanoLa nostra squadra di pallamano è composta dai migliori quattordici giocatori della Granacci. Hanno giocato benissimo, la loro prestazione ha portato la vittoria con grande felicità di tutto lo staff dopo quattordici anni da perdente, la Granacci, è tornata alla vittoria.

Il torneo si è tenuto al palazzetto di Tavarnuzze. Prima che tornassero i giocatori, la 1^D era in fibrillazione e in segno di gratitudine, sapendo già della vittoria, abbiamo scritto per scaramanzia “Winner” sulla lavagna… Ma sono arrivati in ritardo e purtroppo non l’hanno potuto vedere.

La finale è stata contro il Tavarnuzze, la partita è stata molto avvincente con numerosi gol; il risultato finale è infatti stato di 12 a 8 per la nostra scuola.

A cura degli egregi scolari TommasoF, CosimoR e NiccolòF

read more
AdminLA SQUADRA DI PALLAMANO DELLA SCUOLA

La corsa campestre

Fotografia di una fase della corsa campestreLa corsa campestre è una specialità dell’atletica leggera, in cui si corrono distanze intorno ai 10 km, sull’erba o per la strada e su percorsi che cambiano in base all’età e al sesso.

E’ stata una specialità olimpica, sia come competizione individuale che a squadre, dai Giochi olimpici del 1904 a quelli del 1924.

Le gare vengono svolte ogni due anni, in particolare in quelli dispari.

Quest’anno, il 27 marzo, anche la nostra scuola ha partecipato insieme ad altre ad una corsa campestre a Tavarnelle.

A cura di Margherita, Alessia, Asia e Giulia

Qui sotto alcune immagini della gara:

Fotografia di una fase della corsa campestre

Fotografia di una fase della corsa campestre

Fotografia di una fase della corsa campestre

Fotografia di una fase della corsa campestre

read more
AdminLa corsa campestre