BattiBeccoBlog – 4^A Scuola Enriquez-Agnoletti

All posts tagged BattiBeccoBlog – 4^A Scuola Enriquez-Agnoletti

Storia in rima di un oliva

Foto di una oliva al ramoC’era una volta un’oliva
che dal ramo si staccava.
Fu rapita da un rastrello.
E finì dentro un secchiello.
La portarono
a un frantoio rumoroso
ma fu trasformata
in un liquido favoloso.
Era senz’altro
un’oliva fortunata
perché d’oro
era diventata.
Le regalarono
una casa verde scuro
e l’appoggiarono
su un muro.
Le bottiglie d’olio
scintillanti al sole
erano delle meraviglie
che lasciarono
a bocca aperta
tutte le famiglie.

a cura di AlessiaB e SofiaT

read more
AdminStoria in rima di un oliva

MEGA NAVI

foto in bianco e nero del Titanic

Mega navi vi farà scoprire le caratteristiche delle navi
(oppure, se già le conoscete vi aiuterà  a conoscerle meglio)

IL TITANIC

Il Titanic era la più grande nave mai esistita ma l’affondamento si poteva evitare?
La risposta è sì, ma come?
L’affondamento si poteva evitare se il proprietario (S. Isnake) non avesse ordinato di prender l’iceberg alla massima velocità e colpirlo di carena cioè di lato.  Se avesse ordinato di andare alla velocità media e avesse  colpito l’iceberg di prua cioè sul davanti, il Titanic forse sarebbe ancora con noi, magari in un megamuseo.
Ma come mai il proprietario ordinò di andare alla massima velocità e di colpire l’iceberg con il Titanic di carena e non di prua pur sapendo del pericolo?
Perché voleva vincere la bandiera della nave più veloce e far finire il Titanic sulle prime pagine dei giornali al suo arrivo a New York, così la nave andava troppo veloce e, avendo paura di colpire l’iceberg di prua ordinò di colpirlo di carena.
Chi salvò i passeggeri (sopravvissuti) del Titanic?

IL CARPATHIA
Il Carpathia salvò i passeggeri del Titanic saliti sulle scialuppe o quelli in mare.
Ma c’era un’altra nave più vicina?
Più vicino c’era il Mauletania ma il marconista Philips era a dormire e non raccolse i segnali radio .
Quanto era distante il Mauletania?
Al Maleutania sarebbero bastati 25 minuti per raggiungere il Titanic. Se avesse ricevuto i segnali radio tutti i passeggeri del Titanic si sarebbero salvati.
Nella prossima puntata parleremo del naufragio dell’Andrea Doria.

a cura di Lorenzo M. e Matteo D.

read more
AdminMEGA NAVI

La fiaba della felicità

meyer staino copertina webRagazzi c’è successo una cosa incredibile.

Un giorno di scuola, l’ospedale Meyer ci ha chiesto di scrivere una fiaba (breve) per il loro giornalino; quello che leggono i bambini lì per divertirsi un po’.

Allora ci si mise a scrivere la fiaba, intitolata :LA FIABA DELLA FELICITÀ.

Ognuno ha scritto sul suo quaderno la propria storia.

La Silvia (maestra) ha unito un pezzo di storia di ognuno di noi (classe Aria e Acqua).

Pensavamo che fosse finita qui e invece…!!!

Un famoso disegnatore e artista, Sergio Staino (lo conoscete senz’altro!) ha letto la nostra storia e gli è piaciuta moltissimo e ha deciso di illustrarcela! Guardate qua!!!!

 

clicca qui per scaricare la fiaba in formato pdf

read more
AdminLa fiaba della felicità

La Fiorentina!

Tutti i gigli della fiorentinaSiamo appassionati della Fiorentina che è nata nel 1926.
lo stadio si chiama Artemio Franchi ha 44000 posti.

Il suo stemma è un giglio con sotto scritto A.C.F. che significa Associazione Calcio Fiorentina.

La maglietta della società nasce come bianco rosso ma poi hanno sbagliato… in tintoria ed è nata la maglia viola.
La maglia bianco rossa si usa anche oggi per la terza maglia. Poi c’è la maglia bianca che è la seconda maglia.

L’allenatore di questo campionatosi chiama Vincenzo Montella.
Nelle partite i nostri giocatori sono bravi a fare i calci piazzati.
Il nostro bomber ufficiale è Jovetic soprannominato Jojo.

A cura di GuidoC e GabrieleM

read more
AdminLa Fiorentina!

COME FARE UN PLASTICO – Prima puntata: I MATERIALI

Fotografia del plastico di treniniUn plastico é una rappresentazione in scala di un progetto, come una casa, un complesso residenziale, un quartiere, una stazione ferroviaria ecc…
Solitamente questi progetti vengono realizzati a mano grazie a dei materiali facili da tagliare e incollare, come la balsa, il cartonlegno o il polistirolo.

La balsa é consigliata qualora si volesse costruire un modello molto piccolo di dimensioni
inferiori ai 5 centimetri.
Questo materiale ha una colorazione uniforme sul marroncino ed é di facile incisione, quindi é
possibile tagliarlo facilmente con strumenti affilati (tagliabalse) e incollarlo successivamente con colle viniliche.
Il costo di una tavola di balsa standard da 15×80 centimetri è di 5 euro ed è sicuramente uno dei materiali più cari per realizzare plastici.

Il polistirolo ad esempio è molto più economico, anche se meno resistente.

Altri materiali più economici della balsa sono il cartonlegno e il poliplat; quest’ultimo è più difficile da tagliare e incollare e il suo prezzo varia tra i 5 e i 7 euro al foglio (circa 100×70 cm).

a cura di FilippoB e AmirE

read more
AdminCOME FARE UN PLASTICO – Prima puntata: I MATERIALI

“Quelli” dell’Aria si presentano…

Disegni di aerei, elicotteri e altre macchine volantiOplà! Noi siamo quelli dell’Aria: nuvole quelli leggeri, rondini quelli allegri, usignoli quelli intonati, aquile quelli veloci, aeroplani quelli tecnologici, aquiloni quelli colorati, mongolfiere quelli un po’ cicciottelli, farfalle quelli eleganti…
Siamo alti e siamo bassi
a chiaccherar siamo degli assi.
Siamo amici e siamo intelligenti
ma star fermi non siam pazienti.
Siamo giocherelloni e siamo amici
se litighiamo di far la pace siamo felici.
Siamo forti e siamo ficcanaso
non parliamo mai per caso.
Siamo tanti e siamo snelli
tutti insieme siam proprio belli!

a cura del gruppo di redazione Fulminante

read more
Admin“Quelli” dell’Aria si presentano…

Storia in rima di un oliva

Poesia scritta da Sofia P e Sara M
in occasione della raccolta delle olive nel giardino della nostra scuola

Stiamo raccogliendo le olive nel giardino della scuola per fare un buon olio
C’era una volta un’oliva
che dal ramo si staccava.
Fu rapita da un rastrello
e finì dentro un secchiello.
La portarono a un frantoio rumoroso
ma fu trasformata in un liquido favoloso.
Era senz’altro un’oliva fortunata
perché d’oro era diventata.
Le regalarono una casa verde scuro
e l’appoggiarono su un muro.
Le bottiglie d’olio scintillanti al sole
erano delle meraviglie
che lasciarono a bocca aperta
tutte le famiglie.

a cura di Alessia B e Sofia T

read more
AdminStoria in rima di un oliva