Natura e Ambiente

IL MIO AMICO A QUATTRO ZAMPE

Vicino all’Orto di Nonno Sergio, a Grosseto, c’è un altro orto con una casetta immersa nel verde degli ulivi. È di una signora un po’ pazzerella perché ha circa una cinquanta di gatti, tutti trovatelli e, indovinate un po’…, ha comprato l’orto solo per loro. Questi gatti vivono liberi e sono abbastanza selvatici, ma uno è molto particolare perché non è scontroso come gli altri, ma è socievole e docile.

Continua
AdminIL MIO AMICO A QUATTRO ZAMPE

La cagnolina Sila

Per le vacanze di Pasqua siamo partiti per la montagna. Il proprietario della casa ci aveva detto che c’ era la neve. Quando siamo arrivati lì, a un certo punto abbiamo trovato almeno quaranta centimetri di neve e mio babbo pero’ non credeva che ci fosse così tanta neve. La macchina aveva un po’ di difficolta’, ma alla fine ce l’abbiamo fatta e siamo arrivati. Appena presi i bagagli siamo andati a mangiare una minestra, patate, insalata e carne.

Continua
AdminLa cagnolina Sila

L’inquinamento dei mari

Il mare è stato spesso considerato, fin dall’antichità, come un’enorme discarica in cui buttare rifiuti e sporcizia di vario genere.

Oggi, le principali cause di inquinamento dei mari e degli oceani sono le seguenti:
le sostanze inquinanti provenienti da attività umane, scaricate nei fiumi e da questi portate al mare (sostanze organiche provenienti dagli scarichi urbani, prodotti di origine agricola come i fitofarmaci e i fertilizzanti, inquinanti degli scarichi industriali);
il petrolio rilasciato dalle petroliere o dalle piattaforme petrolifere, in seguito a incidenti o a pratiche non corrette seguite nelle fasi di pulizia dei serbatoi;

Continua
AdminL’inquinamento dei mari

Australia

L’Australia è detta anche Down Under (giù in basso) perchè si trova diametralmente dall’altra parte dell’Europa, nell’emisfero sud.
In Australia le stagioni sono le opposte delle nostre.  Infatti il Natale si festeggia in estate, quando fa caldo, le giornate sono lunghe e si può andare in spiaggia e, in Australia essendo un’ isola gigante, ci sono tante spiagge! Alcune famose per il surf.

Simbolo dell'Australia la mimosa.

Simbolo dell’Australia la mimosa.

Nell’oceano ci sono tante belle cose, come: pesci, aragoste, mante, delfini, squali, foche, granchi, balene e coralli di tutti i colori; nei fiumi coccodrilli e ornitorinchi.

Nel cielo invece ci sono tanti begli uccelli: pappagalli, pipistrelli, cocatua (cockatoos), kookaburra.
Sulla terraferma: canguri, rane, echidna, sugli alberi i koala e sotto terra i vombati (wombats) e serpenti.

Rocce sulla spiaggia.

Rocce sulla spiaggia.

L’Australia è un posto meraviglioso e immenso con vari paesaggi, grandi distese dove regna la natura e climi diversi dove, al contrario di noi, al sud fa più freddo e al nord fa più caldo; il centro è caratterizzato dal calore del deserto, il nord dall’umidità delle foreste pluviali e al sud da un clima più temperato. Ne deriva un insieme incredibilmente bello di paesaggi e piante, dove spicca la più nota che è l’eucalipto detto gum tree, sul quale vive il koala che si ciba delle sue foglie.
I primi abitanti dell’Australia sono gli aborigeni che oggi convivono con tante razze diverse venute da tutto il mondo.

Piante.

Piante.

Raphael

Continua
AdminAustralia

Il Monviso re di pietra

La più alta montagna delle Alpi Cozie (3842 m s.l.m. )

Cima del Monviso

Cima del Monviso

Dal 29 maggio 2013 è stato riconosciuto Patrimonio Unesco come riserva di biosfera transfrontaliera, all’interno di un programma internazionale dedicato all’ uomo e la biosfera M.A.B..(man and biosphere). In tutto il mondo ci sono 621 riserve riconosciute tra cui 9 in Italia . Si tratta di zone geografiche marine o montane in cui gli abitanti si impegnano a conservare l’ambiente, a utilizzare le risorse naturali senza danneggiarle.

Viso Colle Gianna

Viso Colle Gianna

Un’altra caratteristica del Monviso è che qui si trova la sorgente del Po (in località Pian Del Re). Sul Monviso si può anche sciare a Crissolo e andare sul bob a Pian Della Regina dove è stato appena inaugurato un tapis roulant.

In estate è possibile camminare sul Monviso fino alla sua cima e attraversare il “Buco di Viso”.

Buco di Viso

Buco di Viso

Il primo traforo  alpino della storia, aperto nel 1480 da Ludovico II , marchese di Saluzzo per favorire il commercio con la Francia.

Il Buco di Viso è lungo 75 m.I primi alpinisti a scalare la vetta furono il deputato di Biella Quintino Sella accompagnato da guide locali e, per le donne, Alessandra Boarelli di Verzuolo nel 1864, alla quale è dedicato il Bivacco Boarelli alla base del versante Sud. Secondo alcuni, nel logo della Paramout Pictures, famosa casa di produzione cinematografica americana, sarebbe rappresentato il Monviso.

Matilde

Logo Paramount

Logo Paramount

Continua
AdminIl Monviso re di pietra