il Fidelio

L’opera lirica “Fidelio” parla di una ragazza, Leonore, cui le imprigionano il marito Florezstan.

Lei si traveste da uomo per tentare di liberarlo.

È un po’ lento, ma la fine è molto bella. Vengono cantate canzoni come: Ovelkeluft e l’inno alla gioia.

Il Fidelio vuol far capire la libertà di cui ognuno ha bisogno e le ingiustizie che dobbiamo subire ogni giorno. Originariamente è stato scritto in tedesco, poi tradotto nelle altre lingue.

Hanno un significato molto forte i costume dei carcerati: hanno tutti una maschera che gli copre il volto, come se la vera prigione fosse non esprimersi e non essere liberi di ribellarsi al regime del perfido Pizzarro.

Seppur all’inizio lungo, la fine è molto interessante: Fidelio (Leonore) rivolta contro Pizzarro i suoi stessi cani, Il crudele padrone viene trascinato all’inferno dai suoi cani, bramosi di morte, come volesse dire che Pizzarro si meritasse di morire per le ingiustizie inflitte a Leonore, Florezstan e tutti i carcerati.

Alla fine i carcerati, per ringraziare Fidelio di averli liberati, iniziano a cantare tutti in coro l’inno alla gioia, che conclude l’opera in modo magistrale. Tutti gli attori sono molto bravi, ma soprattutto l’attrice che interpreta Fidelio.

Adminil Fidelio
Share this post

Related Posts