L’affresco

Laboratorio 17/02/16

Ci siamo recati a Palazzo Vecchio dove ci hanno spiegato le tecniche dell’affresco e ci hanno fatto provare a realizzarne uno.

Ogni alunno ha ricevuto una mattonella con sopra l’intonaco fresco. 20160217_105647

Poi ci è stato consegnato un foglio già disegnato, con lo stemma di Cosimo de’ Medici o con lo stemma dei Medici o altre figure. Il foglio era bucato lungo i contorni del disegno.

Abbiamo usato un panno per spargere il pigmento sul contorno bucherellato del disegno (tecnica dello Spolvero). Dopo aver tolto il foglio sulla mattonella è rimasto il contorno del disegno che successivamente abbiamo colorato.

La tecnica dell’affresco:

1) Anticamente ricoprivano i mattoni della parete con un intonaco fatto da una dose di calce e due dosi di sabbia chiamato Arriccio e lo lasciavano asciugare. L’ Arriccio era uno strato particolarmente ruvido in modo che il secondo intonaco vi aderisse meglio.20160217_102106

2) Sull’Arriccio veniva abbozzato il disegno o con il carboncino, o con il colore rosso sinopia.

3)Veniva steso un secondo intonaco (detto intonachino) più fine e fatto con una pasta più liscia perché contenente meno sabbia. L’intonaco veniva steso solo su una parte del disegno, quella che poteva essere terminata in un giorno. Questo sistema si chiama stesura a giornate e fu adottata per primo da Giotto.

4)Il disegno poteva essere fatto sull’intonaco a mano libera ma in genere si preferiva usare delle tecniche per riportarlo partendo da un modello su carta. Le tecniche più usate sono: Lo spolvero (già descritto precedentemente) /L’incisione/La quadrettatura.

Incisione: si usava un cartone su cui si faceva il disegno, si appoggiava sul muro e si ricalcava il contorno premendo sull’intonaco fresco con un punteruolo.

Quadrettatura: si faceva un disegno su carta e lo si divideva in quadrati. Si ripeteva sul muro la stessa griglia ma di dimensioni più grandi quindi si riportava il disegno da foglio al muro in scala più grande.

Il colore veniva realizzato con pigmento misto ad acqua.

AdminL’affresco
Share this post

Related Posts