Storie e Racconti

LA COLLERA DEL FANTASMA RINATO

29 Apr 2022

Nel 1958 c’era un uomo di nome Franklyn Bronz era alto, con i capelli scuri e gli occhi neri come l’oblio, era sposato ed amante del gioco d’ azzardo.
Un giorno stava guardando un film con la sua famiglia. Suo figlio gli aveva chiesto se i fantasmi esistevano e lui gli aveva risposto di no.
La sera si addormentò sul letto e sognò. Nel sonno aveva visto suo figlio, sua moglie e un uomo a cui non gli si vedeva il corpo; soprattutto la faccia, questo uomo era molto alto e aveva i capelli scuri.

Il giorno dopo Franklyn era andato ad ubriacarsi con un suo amico. Il suo amico disse: “Quanto scommetti che ti faccio vedere un fantasma” Franklyn in modo sarcastico rispose: “La mia vita!”.
Il giorno dopo andarono al cimitero e dopo un’ora Franklyn disse: “Non c’è niente”. Poi il suo amico lo accoltellò. Arrivò un signore anziano che vide il corpo di Franklyn a terra sanguinante e chiamò l’ambulanza.

Qualche tempo dopo Franklyn si svegliò ma si sentiva leggero: era un fantasma, si spaventò, si calmò e tornò nel suo corpo. Franklyn era diventato malvagio: uscendo dal ospedale ammazzò i dottori che cercavano di fermarlo. Arrivò vicino alla sua abitazione e vide il suo ex amico baciare sua moglie: dalla collera strangolò e ruppe il cranio dell’ex amico.
Franklyn sospirò e vide ciò che aveva fatto: la moglie e il figlio fuggirono e chiamarono la polizia.
La polizia ruppe la porta ed entrarono ma Franklyn si era accoltellato.
La moglie e il figlio vissero bene e Franklyn andò all’inferno.

A cura di Ledio


CONDIVIDI:

Articoli recenti

  • LA COLLERA DEL FANTASMA RINATO
    Nel 1958 c’era un uomo di nome Franklyn Bronz era alto, con i capelli scuri e gli occhi neri come […]
  • IL ROMPITESTE
    Ciao, sono Mario e sono diventato un fantasma grazie al mio socio Maurizio. Vi racconto com’è […]
  • Un cavallo all’improvviso…
    C’era una volta una bambina di nome Mika che adorava molto i cavalli e ne desiderava da […]
  • UNA NOTTE IN UN BOSCO
    Era una notte buia e tempestosa ed io e il mio amico Alessio andammo in un bosco per una notte […]
  • GIUSEPPE E IL GIOCO DEL CALCIO
    C’era una volta un ragazzo di nome Giuseppe che aveva dieci anni e gli piaceva molto giocare […]

Articolo precedente

Articolo successivo