Tradizioni

La leggenda del Monte Cervino

11 Nov 2022

Sulle Alpi regnava, tanti e tanti anni fa, Gargantua, un gigante sempre occupato a mangiare e a bere.
Si dice che a colazione il buon Gargantua mangiasse una dozzina di buoi con un abbondante contorno di maiali arrosto e che fosse capace di vuotare una vasca da bagno piena di vino in un solo sorso.
Un re così amante della buona tavola non poteva altro che essere sovrano pacifico e, infatti, nel suo regno non si sentiva mai parlare di battaglie né, tanto meno, di guerre.

Un giorno, però, a Gargantua venne un dubbio:
io son un re pacifico , è vero, ma al di là delle montagne potrebbero esserci popoli che si stanno preparando a invadere e devastare il mio regno
e’ meglio che vada a vedere!
Per Gargantua vedere al di là delle Alpi era facile, anzi facilissimo: era così grande che bastava si alzasse in piedi!
Così fece.

Purtroppo, però quel giorno aveva mangiato e bevuto un po’ più del solito.
Fu così che, quando salì con un unico passo in cima alle montagne per vedere che cosa succedeva nel regno vicino, accadde una cosa strabiliante: per il suo peso le montagne su cui aveva appoggiato i piedi si sbriciolarono e franarono a valle!

Rimase in piedi solo la piramide di roccia che si trovava tra l’una e l’altra delle gambe del gigante: fu così che nacque il Monte Cervino.


CONDIVIDI:

Articolo successivo