biomi2.jpg

I biomi europei

Mi piace molto studiare l’ambiente, quindi ho scritto questo articolo sui biomi che troviamo in Europa.
I biomi sono i grandi ambienti naturali come le foreste tropicali o le savane, caratterizzati da diversi climi: l’uomo non può interagire sui biomi più di tanto, perché ad esempio, non può portare gli uliveti a 4000 metri o i ghiacciai in pianura. In Europa, come biomi, possiamo trovare:

  • La Tundra Si trova nell’estremo Nord dell’Europa con un clima molto rigido, infatti, come vegetazione crescono erbe, muschi, licheni e arbusti. Nella tundra il clima estivo raggiunge i 10 C°, quindi il ghiaccio si scioglie formando gli acquitrini. Come fauna possiamo trovare le renne selvatiche, i lemming, gli ermellini, le volpi artiche e le lepri variabili: queste ultime 3 specie si possono mimetizzare, perché d’inverno il loro pelo diventa bianco, mentre, d’estate diventa marroncino;
  • La Taiga Si trova a Sud della tundra e sulle Alpi e sui Carpazi possiamo trovare un ambiente simile alla taiga. In questo bioma come flora ci sono foreste di conifere, che sono piante legnose con foglie aghiforme, come l’abete bianco, l’abete rosso e il pino silvestre e anche foreste di latifoglie, che sono piante con foglie larghe, ovvero la betulla. Come fauna possiamo trovare il ghiottone, l’orso bruno e l’alce;
  • La Brughiera Si trova nell’Europa Occidentale e anche in alcune zone dell’Italia Settentrionale dove cresce un tipo di erica chiamata brugo; infatti come vegetazione crescono piante basse e cespugliose e l’erica che è una pianta sempreverde. La brughiera più famosa si trova in Gran Bretagna, in particolare in Scozia. In questo habitat, cioè l’insieme delle condizioni ambientali che rendono possibile la crescita di una specie, possiamo trovare il falco smeriglio, l’albanella reale, la pernice bianca nordica e il chiurlo;

    Esempio di foresta di latifoglie

  • La Foresta di Latifoglie Si trova nell’Europa Centrale e possiamo trovare latifoglie a foglia caduca, ovvero con foglie che cadono d’autunno, come il faggio, il frassino, la quercia, l’olmo e il carpino. In passato queste foreste vennero disboscate dall’uomo, ma negli ultimi decenni grazie all’uomo ha cominciato a rimboschire. Questo bioma è adatto a molte specie animali come il cinghiale, il cervo, il capriolo, la volpe, il tasso, lo scoiattolo, le lontre, i castori e i visoni. Altre specie a rischio d’estinzione hanno ripopolato le foreste di latifoglie, ovvero l’orso bruno, la lince e i lupi;
  • La Steppa Si trova nell’Europa Orientale ed è una pianura con una vegetazione arborea a causa della scarsità delle piogge. La più famosa si trova in Ungheria e si chiama Puszta. Questo bioma è occupato da rapaci come il falco pellegrino, che è l’animale più veloce al mondo perché quando va in picchiata raggiunge una velocità di 180 Km/h, la gallina prataiola, l’otarda e il citello che è come un cane delle praterie;
  • La Foresta e la Macchia Mediterranea Si trovano nell’Estremo Sud dell’Europa con foreste di pini marittimi, latifoglie sempreverdi, il leccio, la quercia da sughero e la macchia mediterranea, che è un insieme di arbusti come il corbezzolo, il mirto, il lentisco e la ginestra. Come fauna possiamo trovare il cinghiale, l’istrice, la martora e due uccellini dal nome simpatico, ovvero l’occhiocotto e la magnanina.

A cura di Elisa D.B.

 

RedazioneI biomi europei
Share this post