giornata_no_tabacco.jpg

Giornata mondiale contro il tabacco

La Giornata mondiale contro il tabacco è il 31 di maggio.
Fumare in quest’anni è diventato di “moda”per i giovani. Ma sanno perfettamente che vanno incontro alla loro vita… Quando una persona prova la prima sigaretta spesso non prova niente ma se continua a provare la seconda poi la terza e poi la quarta inizia a prenderci gusto.

La sigaretta contiene nicotina che è la principale sostanza presente nelle sigarette che provoca dipendenza.
Quando una persona inizia a fumare deve essere consapevole a ciò che va incontro e vi dirò qualche semplice motivo per non iniziare a farlo:
1. Fumare non serve a niente, anzi serve solo a peggiorare le cose;
2. I pacchetti di sigarette alla fine costano e non poco;
3. Il fumo è la prima causa di morte.
4. Chi fuma si riconosce da lontano: i denti ingialliscono, i vestiti e la pelle sa di fumo e per chi sta vicino sicuramente non è molto gradito…..

Un’altra cosa che riguarda il fumo è il fumo passivo. Ma cosa significa passivo?
Significa che quando sei accanto ad una persona che fuma e te respiri il fumo è come se tu stessi fumando e quindi provoca danni anche a te.

Se vuoi smettere di fumare ma non ci riesci pensa per prima cosa alla tua salute che è una delle cose più importanti e scommetto che se riuscirai a smettere starai meglio con te stesso e con gli altri.

Per quanto riguarda la scuola, ci sono ancora dei ragazzi “bulli”che costringono altri ragazzi a fumare (anche se non mi sembrano molto normali!). A me non è mai successo e spero che non succederà mai, ma invece è successo ad un mio caro mio amico….. era un giorno come tutti gli altri quando gli si avvicinò un ragazzo più grande e gli chiese se voleva provare una sigaretta e lui rispose di no. La cosa andò avanti per vari giorni e una settimana dopo, fuori scuola, il mio amico accettò la sigaretta e la buttò per terra. Il bullo lo minacciò dicendo che se non l’avesse presa lo avrebbe “pestato”. Lui, impaurito, la prese subito e la fumò ma la sputò di bocca e con calma anche se preoccupato, gli spiegò per quali motivi l’avesse fatto, spiegandoli tutti i rischi a cui stesse andando incontro. Il ragazzo bullo lo fece andare via e dal quel giorno iniziò a smettere, a poco a poco, di fumare e solo dopo qualche mese ringraziò il mio amico di averli salvato la vita.

Vi è mai successo che qualcuno vi abbia offerto una sigaretta in modo aggressivo?
Iniziereste a fumare dopo quello che vi ho detto?

DICIAMO: NO AL FUMO.

A cura di Alice

Redazione Classe 2^DGiornata mondiale contro il tabacco
Share this post