quokka.jpg

IL QUOKKA

Il quokka, un marsupiale australiano definito da molti come l’animale più felice del mondo.
Un “titolo” che gli è derivato non per particolari analisi psicologiche dell’animale, ma per quel musetto che lo mostra sempre sorridente. Il suo nome scientifico è Setonix brachyurus.
Come altri è erbivoro e generalmente notturno.
Pesa tra i 2,5 e i 5 kg, è lungo tra i 40 e i 54 cm ed ha una di 25-30 cm. Ha struttura tozza, orecchie arrotondate ed una testa corta e larga. È in grado di arrampicarsi su piccoli alberi e arbusti. Il mantello è di color bruno brizzolato, ma sul ventre si fa sempre più marroncino.
Grande più o meno come un gatto, il quokka vive in Australia, è presente soprattutto sulle isole Bald, Rottnest e Garden. Si riproduce verso fine estate e dà alla luce un solo piccolo per volta. Dato che si tratta di un mammifero marsupiale, il piccolo viene tenuto dalla mamma nel marsupio (proprio come fanno i canguri).
E’ molto socievole con gli esseri umani. Una propensione che nel corso del tempo gli è costata molto, soprattutto per aver consumato il “cibo umano”: la popolazione di questi marsupiali, una volta molto numerosa viene attualmente indicato come “vulnerabile”, secondo la Lista Rossa delle specie minacciate di estinzione dello Iucn. Ma lui, nonostante tutto, sorride sempre.
La colpa sarebbe imputabile soprattutto all’arrivo del dingo, circa 3.500 anni fa, e della volpe, alla fine del 1800, portata dagli europei. In questi luoghi non c’erano molte volpi né gatti, naturali predatori del quokka, e quindi ha vissuto per anni quasi indisturbato. Si registrano, tuttavia, segni di ripresa grazie ai piani di conservazione della specie messi in atto dal Dipartimento dell’Ambiente dell’Australia.

A cura di Matilde Ciabatti

Redazione di ClasseIL QUOKKA
Share this post