sfera_armillare.jpg

SFERA ARMILLIARE – MAPPAMONDO DEL MUSEO GALILEO GALILEI

Come sono fatte le sfere armillari?
La costruzione della sfera consiste di una serie di anelli che ruotano intorno ad un unica asse. Nel mezzo degli anelli c’è un globo o sfera che rappresenta la Terra. Alcuni degli anelli sono fissati indicando la posizione di caratteristiche come l’equatore ed i tropici rispetto alla Terra. La sfera armillare ha aiutato gli astronomi a capire e spiegare i movimenti dei cieli, e questo dispositivo è stato regolarmente trasformata per stare al passo con le nuove scoperte e informazioni scientifiche.

Chi ha inventato le prime sfere?
Una sfera armillare è un modello della sfera celeste inventato da Eratostene nel 255 a.C. Le sfere armillari vennero sviluppate dai greci e furono usate come strumento didattico. Le sfere armillari divennero nuovamente popolari nel tardo medioevo; l’astronomo danese Tycho Brahe costruì diversi di questi strumenti. Le sfere armillari furono tra i primi apparati meccanici complessi, il loro sviluppo portò a miglioramenti nelle tecniche e nella progettazione di tutti gli strumenti meccanici.

Il mappamondo del Museo Galileo.
Il lavoro per costruire questo mappamondo è iniziato il 4 marzo 1588 e terminata nel 6 maggio 1593, questa grande sfera armillare, proveniente dalle collezioni medicee, venne costruita sotto la direzione di Antonio Santucci, per volere di Ferdinando I de’ Medici. La sfera rappresenta la “macchina universale” del mondo secondo le concezioni elaborate da Aristotele e perfezionate da Tolomeo. Essa presenta al centro il globo terrestre. E’ stata restaurata nell’Ottocento da Ferdinando Meucci.
Nella sfera, ci sono parti dipinte e ricoperte di foglie di oro zecchino, essa poggia su una base con quattro sirene.

A cura di Sveva Ciofani

Redazione Classe 2^CSFERA ARMILLIARE – MAPPAMONDO DEL MUSEO GALILEO GALILEI
Share this post