miniera.jpeg

GIU’ NELLA MINIERA (recensione libro)

Giù nella miniera parla di una famiglia Italiana che si trasferisce in Belgio precisamente a Marcinelle.
Fulvio, ragazzo italiano appena trasferito, si trova in un posto dove gli Italiani non sono ben accetti, come dimostra per esempio la scritta all’entrata del negozio di dolciumi: “vietata l’entrata ai cani e agli italiani”.Questo libro mi è piaciuto molto: il modo in cui l’autore illustra il clima in Belgio per gli italiani soprattutto in miniera dove lavoravano in un clima molto pericoloso e faticoso.
Un’altra cosa molto bella del libro è il doppio finale che è unico ma visibile da due punti di vista: dal punto dell’amore verso il protagonista che non fa una brutta fine e l’altro che “i mangia spaghetti Italiani “ e “i mangia patate belgi “ si riappacificano dopo la sfida giu nella miniera.
L’unica cosa che non mi è piaciuta è il fatto del padre che gli dice di venire a vivere in Belgio descrivendolo quasi a livelli di una paradiso terrestre.

Redazione di ClasseGIU’ NELLA MINIERA (recensione libro)
Share this post