Aprile 2015

All posts from Aprile 2015

terme_romane_fiesole.jpg

Le terme romane di Fiesole

Le Terme erano un complesso aperto al pubblico, simile ai moderni centri benessere.
I ROMANI davano molta importanza alla salute del corpo e cercavano di mantenerlo in forma attraverso l’esercizio fisico. Un famoso detto romano era “MENS SANA IN CORPORE SANO” (la salute della mente, oggi diremmo della psiche, sta in un corpo sano ed in forma).

Continua
AdminLe terme romane di Fiesole
teatro_fiesole.jpg

Il teatro romano di Fiesole (I sec. avanti – I sec. dopo Cristo)

Il teatro ha forma che assomiglia ad una mezza luna.
La parte dove stava il pubblico erano le gradinate. Essa era addossata al fianco della collina come avveniva per i teatri greci.
Di solito invece i teatri romani erano degli edifici completamente costruiti dall’uomo e per reggere le gradinate c’era una struttura fatta di ARCHI ed altri elementi di sostegno.

Continua
AdminIl teatro romano di Fiesole (I sec. avanti – I sec. dopo Cristo)

Elettricità? Risparmiamola!

FOTO ELETTRICTà

L’energia elettrica fu studiata fin dall’antichità, ma solo nel 1752 fu scoperta da Benjamin Franklin con il pericolosissimo esperimento dell’aquilone che fece volare durante un temporale ; a seguito  di questo ed altri inventò il parafulmine. Gli studi di Franklin fecero da basi scientifiche a famosissimi studiosi tra cui :Michael
Faraday , Alessandro Volta , Andrè-Marie Ampère ,
George Simon Ohm , titolari di specifiche unita’ di misura e Luigi Galvani. Gli studi  di questi scienziati ci danno la possibilità di usare tutta la tecnologia che esiste fino ad oggi .Tuttavia l’energia costa sia economicamente sia dal punto di vista ambientale che può causare
inquinamento. Quindi ne va usata poca e quando serve usando energia “pulita “ perchè non  inquina  ma usa fonti naturali. Per esempio sarebbe bene ricordarsi di spegnere la
luce,il computer o la TV.

Edoardo Meloni

Continua
AdminElettricità? Risparmiamola!

Don bosco

Don Bosco è un grande Santo nato a Torino.immagine don bosco vladimir

Da piccolo fece un sogno dove davanti a casa sua c’erano bambini che si picchiavano e dicevano bestemmie,allora don Bosco si buttò

in mezzo a loro e dopo un pò apparve una figura luminosa che disse “non con le percosse ma con la bontà te li farai amici ”
e don Bosco gli disse come faceva da solo ma la figura luminosa gli dette la sua maestra ( MARIA) e ci riuscì , e si svegliò di colpo.

Quando don bosco si fece prete e decise di portare fuori i ragazzi carcerati tutti lo chiamavano digraziato perchè non capivano la bontà di don Bosco che aveva per i ragazzi.

Dopo un pò di tempo fece aprire un oratorio per ragazzi , e molti ragazzi ci andavano, la si divertivano , pregavano , ecc, però la cosa più bella che fece don Bosco e che faceva miracoli, tipo quando il giorno che c ‘ erano le castagne e stavano per finire lui con un gesto le fece diventare infiinite .

Don Bosco si salvò per tante volte e tentavano di ucciderlo ma lui si salvava sempre grazie a Dio .

Purtroppo come tutti morì nel 1815.

Uno dei ragazzi di don Bosco era Domenico Savio e morì presto,

andando sicuramente in paradiso.

 

Vladimir Lotti

Continua
AdminDon bosco

Il Davide

David era un ragazzo debole e indifeso. Suonava sempre con il suo flauto e il re della città quando aveva mal di testa lo chiamava per rilassarlo con le sue melodie. La sua statua chiamata “DAVIDE” raffigura questo ragazzo con una fionda nella mano sinistra, che guarda negli occhi il gigante Golia e, usando la furbizia e non la forza, gli tira nella fronte un sasso pesante. Golia cadde a terra e e David gli tagliò la testa. Le persone non si aspettavano questa vittoria da un ragazzino debole, ma il suo coraggio lo fece diventare un eroe.

Gli occhi del Davide (la statua) sono neri, ma non dipinti, perchè lo scultore Michelangelo ha scolpito internamente la pupilla così che, guardata dal basso, possa sembrare dipinta. Questo vale anche per i capelli e le sopracciglia. La gamba destra del Davide è sorretta con un tronco d’albero scolpito. La statua è stata ricostruita da una parte perchè è stata rotta durante la guerra contro i MEDICI . Un ragazzino si offrì di ricostruirla e compì il suo lavoro eccellentemente!!!!!

Martina L.

Immagine statua del mito del Davide in piazza Signoria

Immagine statua del mito del Davide in piazza Signoria

Continua
AdminIl Davide

Caco ed Ercole

Ercole era mezzo dio e mezzo uomo, proprio per questo era mortale. Suo padre Zeus, poteva e voleva farlo diventare immortale, ma per far questo Ercole avrebbe dovuto compiere le 12 FATICHE.

Una di queste era portare nell’Olimpo una mandria di mucche. Per Ercole era una delle fatiche più facili, infatti trovò subito le mucche. Durante la notte il gigante Caco rapì mezza mandria e la fece camminare indietreggiando, così che Ercole, quando se ne fosse accorto, non avrebbe potuto ritrovare i buoi seguendo le loro impronte. Ercole, però, sentì il rumore delle mucche ed il loro muggito provenire da una montagna; quando arrivò davanti al rilievo spezzò la montagna in due con la sua forza e vide Caco che stava per mangiare le mucche. Ercole infilò la testa del gigante nella terra (i giganti nascono dalla terra e muoiono nella terra) e questo morì. La fatica era compiuta.

Martina. L.untitled

Continua
AdminCaco ed Ercole

IL CANTO DI NATALE

Il 19 Dicembre 2014 c’ è stata la recita di

COPERTINA DEL TESTO DI  DICKENS

COPERTINA DEL TESTO DI DICKENS

Natale della nostra scuola, abbiamo rappresentato “IL CANTO DI NATALE” di Dickens. La commedia racconta di un signore di nome Ebenizer Scrooge, un uomo avaro che non amava il Natale perchè era un uomo solo. Grazie a tre spiriti Scrooge fa un viaggio nel tempo e riscopre l’ importanza del Natale. Scrooge è cambiato davvero!! Ora ama la compagnia della gente e cerca di essere gentile con tutti.

Ogni classe ha cantato una canzone. La storia che abbiamo rappresentato serve a capire che nella vita si può sempre cambiare e che non è mai troppo tardi proprio come per Mister Scrooge. Secondo me le maestre hanno scelto il Canto di Natale perchè non c’ è molta solidarietà nella nostra classe e quindi per farci riflettere e per capire l’ importanza della solidarietà. La parola solidarietà vuol dire “donare agli altri”. La nostra maestra di inglese ha scelto una canzone di nome “THE MAN WITH THE MAC”. Questa canzone è stata scritta come segno di beneficenza per il terremoto che ha distrutto l’ isola di Haiti nel 2010. Abbiamo fatto questa recita per augurare a tutte le famiglie un felice Natale 2014 e per sottolineare il valore dell’ altruismo e dell’ amore per gli altri.

Continua
AdminIL CANTO DI NATALE