Attualità Storia

LA GUERRA IN UCRAINA 

17 Mar 2022

Un po’ di storia.
Deflagrata in questi giorni, la crisi tra Russia e Ucraina ha radici profonde.
Dopo l’indipendenza, nel 1991, a seguito del crollo dell’Unione Sovietica, la relazione tra Mosca e Kiev è stata mutevole, a causa dell’alternanza tra governi più filo russi e governi più vicini all’Unione Europea e all’Occidente. Il contrasto si è fatto palese nel 2013, quando le proteste di piazza nazionaliste filo-occidentali e antirusse che  prendono il nome di “EuroMaidan” (e in cui sono presenti anche elementi neonazisti) mettono in fuga l’allora presidente Yanukovych (che si era rifiutato di firmare l’accordo di associazione e libero scambio con l’Unione Europea).

Non passa neppure un mese che, nel marzo 2014, gli abitanti della Crimea (a maggioranza russofona) esprimono  mediante referendum (considerato illegale  dalla Corte costituzionale ucraina) la volontà  di tornare sotto la sovranità di Mosca. La Russia non se lo fa dire due volte e sancisce  ufficialmente la secessione della Repubblica  di Crimea dall’Ucraina e la sua annessione alla Federazione Russa.
Ma non finisce qui.  

La regione del Donbass, nell’Est dell’Ucraina, segue a ruota l’esempio della Crimea: hainizio una guerra civile nelle province di Donetsk e Lugansk, che si autoproclamano  repubbliche indipendenti (si tratta delle due repubbliche riconosciute da Putin nel  discorso di qualche giorno fa).
Nel febbraio 2015, con l’accordo detto Minsk II, si giunge a  un cessate il fuoco ma gli impegni assunti in quel momento non vengono del tutto  rispettati dalle parti, con la conseguenza che il conflitto prosegue di fatto  ininterrottamente fino a oggi. 

Il processo di pace era stato affidato al cosiddetto formato Normandia (composto da Russia, Ucraina, Francia e Germania) e ha portato agli accordi di Minsk (siglati in due tranches nel 2014 e 2015).
Tra le altre cose gli accordi prevedevano da una parte che Kiev assicurasse autonomia alle regioni separatiste e amnistia per i ribelli, e dall’altra che i militari russi sparissero dal territorio.
Nessuna delle due condizioni è stata rispettata né tanto meno è stato mai davvero rispettato il cessate-il-fuoco che era stato concordato. 
Ora potrebbe essere arrivato il momento della resa dei conti finale.

A cura di Tommaso G.


CONDIVIDI:

Articoli recenti

  • ORCHESTRA
    Quando avevo 6 anni, in prima elementare, ho iniziato a studiare il violino nella mia […]
  • DESMON DOSS
    Quest’uomo fu il primo obiettore di coscienza, cioè una persona che vuole servire la patria senza […]
  • BABY PANDA NELLO ZOO DI BERLINO
    Ciao cari lettori. Vi vorrei parlare di due gemelli panda nello Zoo di Berlino. Si chiamano Pit e […]
  • CASCATE DELLE MARMORE
    Ciao ragazzi oggi vi parlerò del mio viaggio alle cascate delle marmore che ho fatto insieme ai […]
  • Movieland
    Tre anni fa, prima del Covid, io e la mia famiglia per Pasqua avevamo deciso di andare a Movieland. […]

Articolo precedente

Articolo successivo